informazioni@unicusano.it

800 98 73 73

Che cos’è e come scrivere l’appendice della tesi di laurea

Commenti disabilitati su Che cos’è e come scrivere l’appendice della tesi di laurea Studiare a Sassari

L’appendice della tesi di laurea è una parte importantissima del lavoro che stai svolgendo. Lo diventa soprattutto quando stai per concludere. Praticamente sei giunto alla stesura delle tanto agognate conclusioni, mancano solo i ringraziamenti. Per dare uniformità alla ricerca e finire il lavoro in bellezza, segui queste indicazioni per affrontare al meglio quest’ultima sezione.

Scrivere la tesi: un’impresa vincente

Ti è costata sudore e fatica. Dall’individuazione del tema alla scelta del relatore, dalla ricerca delle fonti fino alla scrittura. Sei riuscito a non perdere le staffe e noi vogliamo rendertene merito: bravo! Ma non è ancora finita, dai, manca poco. La tesi è quasi pronta a giungere tra le mani del pubblico e vuoi tenere tra le mani la stesura definitiva. C’è sempre qualcosa da aggiungere e inizi a sentirti in crisi. Ma non farti prendere dal panico, tutti i documenti aggiuntivi, le parti di approfondimento che si aggiungono alla ricerca e non rientrano in modo integrato nel testo puoi aggiungerle in appendice. Di che cosa si tratta? Non abbiamo detto appendicite, ovviamente. Se ti trovi a scrivere la tesi di laurea sai benissimo di cosa stiamo parlando.

Appendice viene dal latino appendix, ossia pendere. Una definizione (presa dalla Treccani) sufficientemente esaustiva di questa sezione della tesi e di altre pubblicazioni è:

Parte aggiunta, accessoria a un’altra […]; con riferimento a libri, aggiunta posta in fine del volume per chiarire punti particolari non trattati completamente nel testo […]

È tutta quella serie di documenti e capitoli che si può inserire alla fine di una ricerca e che aggrega materiale di diverso tipo, utile a proseguire l’approfondimento o a fornire altri punti di vista. Qualche esempio? Interviste trascritte, aggiornamenti fuoriusciti in seguito alla fine della ricerca, tutto quello che offre al lettore (e in questo caso alla commissione) altri spunti di riflessione sull’argomento della tesi di laurea. Facciamo una lista di esempi di appendice, quelli che di solito i nostri studenti dei corsi di laurea inseriscono nelle loro tesi:

  • Documenti storici
  • Traduzioni di poesie
  • Versioni originali di testi citati
  • Testi di legge e decreti

Nelle tesi in giurisprudenza capita spesso di trovare delle appendici molto corpose, piene di materiale utilissimo per inquadrare il tema che hanno scelto. I relatori stessi propongono parti aggiuntive, e spronano a dare maggiore importanza a questa sezione. Costruire una buona appendice consente di dimostrare che la ricerca è stata svolta con scrupolo e attenzione e che le fonti sono attendibili. Un dettaglio non da poco per fare buona figura con la commissione e portare a casa un buon voto.

Appendice della tesi: dove collocarla?

appendice esempioLa stesura della tesi può inizialmente non riguardare l’appendice. Puoi anche aver finito da tempo la fase di scrittura prima di dedicarti a questo aspetto. Ma sicuramente può esserti utile stilare fin da subito una lista di quello che potrebbe contenere. Scrivere un’appendice per la tesi è un lavoro in più, come aggiungere un bel fiocco ad una scatola regalo. E la tua tesi effettivamente è un dono, un dono che fai a te stesso e alla disciplina che tanto hai amato e studiato.

Dove inserirla? La posizione è quasi scontata. Chiunque ha letto saggi e manuali sa che le appendici si trovano a fine testo. Basta velocemente scorrere l’indice di una qualsiasi pubblicazione di tipo divulgativo per trovare sul finire una sezione dedicata agli approfondimenti. Eppure esistono delle eccezioni. In alcuni rari casi l’appendice si trova all’inizio del testo, prima ancora dell’indice generale.

Può capitare che alcune tesi non prevedano la scrittura delle conclusioni. Ma noi ti consigliamo di scriverle. Le conclusioni sono il resoconto finale, la cifra personale che tu dai al tuo lavoro, in cui oltre ad esprimere i risultati e le osservazioni in merito puoi esprimere un’opinione individuale.
Se hai scritto una buona introduzione però puoi valutare, insieme al tuo relatore, di evitare il capitolo conclusivo. Se hai già scritto un malloppo di centinaia di pagine forse non è opportuno correre il rischio di annoiare il futuro lettore o la commissione di laurea.

Forse è il caso di sottolineare che non ci sono indicazioni precise in merito alla lunghezza ideale di una tesi di laurea. Se ti stai per laureare a un corso di laurea triennale sono sufficienti 50 o 60 pagine, per quelle magistrali anche 150.

L’appendice non deve rientrare in questo limite, ma ovviamente è buona regola non inserirne di troppo lunghe, che rischiano di diventare il doppio di quello che già hai scritto. Soprattutto ricorda che non ha a che fare con il discorso critico che hai portato avanti, non strettamente, pertanto non appesantirla, inserisci solo ciò che è veramente necessario.

Speriamo di averti fornito indicazioni utili per scrivere la tesi al meglio e dare un valore aggiunto ad un tuo lavoro che resterà nei tuoi ricordi per sempre, come una bella e grande impresa che hai portato a termine nel migliore dei modi.

Informativa ai dell’art. 13 del Regolamento (UE) n. 679/2016 c.d. GDPR

Vi informiamo, ai sensi dell’art.13 del Regolamento UE 2016/679 (c.d. Regolamento Generale per la protezione dei dati personali – c.d. GDPR) e del decreto Legislativo 30 giugno 2003, n. 196 “Codice in materia di protezione dei dati personali”, che i Vostri dati personali raccolti presso di noi, ovvero altrimenti da noi acquisiti, anche in futuro, saranno oggetto di trattamento da parte nostra in qualità di “Titolare”, anche con l’ausilio di mezzi elettronici e/o automatizzati e sempre nel pieno rispetto della normativa applicabile, per le seguenti finalità del trattamento: attività istituzionali dell'Università, la stessa potrà raccogliere i suoi dati personali, inseriti durante la compilazione dei Form predisposti online e cartacei, potrà pertanto successivamente trattare i suoi dati ai fini dell’instaurazione del rapporto di iscrizione ai corsi di laurea e post laurea, compresa l’attività di orientamento degli studenti per la scelta del percorso universitario; attività di informative promozionali telematiche dei corsi universitari e post-universitari, corsi di specializzazione e simili; attività contabili e amministrative relative alla corretta tenuta delle registrazioni obbligatorie per legge, ovvero all’adempimento di disposizioni delle Autorità pubbliche e degli organismi di vigilanza preposti agli accertamenti. Il Titolare del trattamento e il Responsabile della protezione dei dati personali Titolare del trattamento dei Vostri dati è l’Università Niccolò Cusano – Telematica Roma, con sede in Roma, Via Don Carlo Gnocchi, 3, con Email: privacy@unicusano.it; tramite il https://www.unicusano.it/ è conoscibile l’elenco completo ed aggiornato dei responsabili del trattamento o destinatari. Si informa a tal riguardo che la nostra Università ha provveduto a nominare il proprio Responsabile della protezione dei dati personali (c.d. RPD) l’avvocato Daniela Sasanelli ad ulteriore garanzia dei diritti dell’interessato e come unico punto di contatto con l’Autorità di Controllo, il nostro RPD potrà essere contattato alla seguente email: privacy@unicusano.it Per lo svolgimento di parte delle nostre attività ci rivolgiamo anche a soggetti terzi per l’effettuazione di elaborazioni di dati necessarie per l’esecuzione di particolari compiti e di contratti. I Vostri dati personali potranno, pertanto, essere da noi comunicati a destinatari esterni alla nostra struttura, fermo restando che nessuna diffusione è prevista di tali dati personali a soggetti indeterminati. Tali soggetti verranno nominati responsabile del trattamento. Conferimento dei dati personali e periodo di conservazione degli stessi Il conferimento da parte Vostra dei dati personali, fatta eccezione per quelli previsti da specifiche norme di legge o regolamento, rimane facoltativo. Tuttavia, tali dati personali essendo necessari, oltre che per finalità di legge e/o regolamento, per instaurare il rapporto di iscrizione ai corsi di studio laurea, post laurea e perfezionamento e/o inerente le attività da noi gestite e/o per l’instaurazione del rapporto previdenziale, contrattuale o assicurativo; al fine di dare esecuzione alle relative obbligazioni, il rifiuto di fornirli alla nostra Università potrebbe determinare l’impossibilità di instaurare o dare esecuzione al suddetto rapporto. I vostri dati possono essere conservati oltre il periodo strettamente indispensabile previsto dagli obblighi di legge e comunque al solo fine di fornire ulteriori garanzie a nostri studenti. Diritti dell’interessato, limitazione del trattamento, diritto alla portabilità e diritto di proporre azione innanzi al Garante privacy (c. d reclamo previsto dal regolamento europeo 2016/679/UE) Ai sensi del regolamento europeo sopra citato, Voi avete diritto di essere informati sul nome, la denominazione o la ragione sociale ed il domicilio, la residenza o la sede del titolare e del responsabile del trattamento, e circa le finalità e le modalità dello stesso, nonché di ottenere senza ritardo, a cura del titolare: a) la conferma dell’esistenza o meno di dati personali che Vi riguardano, anche se non ancora registrati, e la comunicazione in forma intelligibile dei medesimi dati e della loro origine, nonché della logica e delle finalità su cui si basa il trattamento: detta richiesta può essere rinnovata, salva l’esigenza per giustificati motivi; b) la cancellazione, la trasformazione in forma anonima o il blocco dei dati eventualmente trattati in violazione di legge, compresi quelli di cui non è necessaria la conservazione in relazione agli scopi per i quali i dati sono stati raccolti o successivamente trattati; c) l’aggiornamento, la rettificazione, ovvero, qualora Vi abbiate interesse, l’integrazione dei dati; d) l’attestazione che le operazioni di cui ai punti b) e c) sono state portate a conoscenza, anche per quanto riguarda il loro contenuto, di coloro ai quali i dati sono stati comunicati o diffusi, eccettuato il caso in cui tale adempimento si riveli impossibile o comporti un impiego di mezzi manifestamente sproporzionato rispetto al diritto tutelato. Oltre ai diritti sopra elencati in qualità di interessati, nei limiti di quanto previsto dal nuovo regolamento europeo, potrete esercitare i diritti di limitazione del trattamento, di opposizione allo stesso ed il diritto alla portabilità esclusivamente per i dati personali da Voi forniti al titolare secondo l’art. 20 del regolamento citato. La informiamo inoltre che il base al Codice della Privacy e al nuovo regolamento europeo potrete proporre azioni a tutela dei Vostri diritti innanzi al Garante per la protezione dei dati personali, c.d. reclamo previsto dal all’art. 77 del predetto regolamento. Si informa infine che nei limiti nei quali sarà ritenuto applicabile al trattamento dei dati che Vi riguardano potrete esercitare un diritto di revoca del consenso al trattamento dei dati comunicando tale revoca al titolare del trattamento.

I dati personali da Lei inseriti saranno comunicati dall'Università ai propri uffici per iniziative formative mediante l'invio di informative promozionali