informazioni@unicusano.it

800 98 73 73

Come diventare consulente legale: studi e possibilità

Commenti disabilitati su Come diventare consulente legale: studi e possibilità Studiare a Sassari

Diventare consulente legale è una prospettiva allettante per molti studenti di Giurisprudenza che non sono ancora convinti che fare l’avvocato sia il loro sogno. Entrambe le figure si avviano ad una carriera professionale soddisfacente, ma con alcune carenze. Scopriamo nel dettaglio chi è il consulente legale e cosa bisogna fare per diventarlo.

Differenza tra consulente legale e avvocato

differenza tra consulente legale e avvocatoL’Italia è il paese europeo con la percentuale più alta di avvocati. Le facoltà di Giurisprudenza traboccano, ma nonostante ciò serpeggia ancora molta ignoranza in materia giuridica.
Il ruolo di un consulente legale può incidere positivamente su questa situazione. Come? Il suo lavoro consiste nel consigliare e informare gli utenti sulle leggi in una determinata materia e su quali procedure avviare. Indica quale strada perseguire e come, ma non può accompagnare il cliente nel percorso, per questo ci sono gli avvocati.
La consulenza porta il cittadino a scegliere di farsi assistere e difendere da una figura specializzata, abilitata e formata.

In questo senso avvocato e consulente legale non sono concorrenti, anzi si supportano a vicenda, alleggerendo agli avvocati la parte relativa alle consulenze e fornendo ai cittadini e alle imprese un servizio più immediato per riuscire a districare le questioni legali. Sì, anche le imprese. Lo vedremo nel dettaglio in un successivo paragrafo.

In che cosa consiste l’attività del consulente legale

La consulenza è un’attività professionale a tutti gli effetti. La condivisione di competenze da parte di un esperto è un valore aggiunto e un’ancora di salvezza per coloro che si trovano in difficoltà.

Chi non possiede conoscenze specifiche e tecniche deve obbligatoriamente rivolgersi a un professionista di un determinato ambito. Ciò accade non solo nel campo legale, ma anche nel campo medico ad esempio. E di conseguenza ci sentiamo di ribadire la totale inutilità della richiesta di consigli a persone poco o quasi per niente esperte.

Andresti mai a chiedere informazioni su come guarire un tuo preoccupante malanno a uno che ha studiato biologia marina? Avrà pure a che fare con le scienze naturali, ma non con la medicina.

Chiedere consigli a persone formate per questa attività e per uno specifico settore è tutta un’altra storia. Inutile sottolinearlo, i vantaggi sono tantissimi.

Eccone alcuni per quanto riguarda la consulenza legale:

  • Inquadrare la situazione dentro le normative di riferimento
  • Individuare le norme specifiche e illustrarle al cliente
  • Ricercare i precedenti giudiziari per questioni analoghe
  • Pianificazione delle diverse soluzioni

La consulenza può prevedere l’instaurarsi di un discorso finalizzato a redimere la controversia per vie legali, ma non sempre. A volte è solo un momento di confronto per avere maggiore consapevolezza nell’eventualità futura di intentare una causa.

Una volta che si viene a conoscenza dei risvolti giuridici di determinati comportamenti o azioni si può scegliere di non intraprendere nessuna azione legale, in questo caso si parla di attività stragiudiziale.

Cosa fa il consulente legale d’impresa

Il consulente legale d’impresa è una professione ancora poco conosciuta. Per intraprenderla è necessario studiare o aver studiato Giurisprudenza. Diventare avvocato non è il tuo sogno? Non ti senti tagliato per la vita da libero professionista e vorresti impiegare la tua professionalità per lavorare all’interno di un’azienda? È una strada percorribile, anche se piuttosto nuova.
Per lavorare come giurista d’impresa dovrai ovviamente specializzarti in diritto. Il tuo compito principale sarà quello di tutelare l’azienda nelle diverse fasi: da quando si prendono delle decisioni fino alle loro conseguenze, positive o negative che siano.

Non si tratta soltanto di dirimere le questioni legali ma di dare un indirizzo alle azioni per prevenire eventuali problemi con la legge.

Le materie di fondamentale importanza per svolgere questa professione sono:

  • Scienze amministrative
  • Fisco e finanza nazionale e internazionale
  • Contratti e disciplina dei contratti
  • Economia e gestione di fusioni, cessioni e joint venture
  • Proprietà intellettuale

L’insieme di conoscenze richiesto è corposo, ma dipende dal tipo di azienda e dal mercato in cui opera. In generale per qualsiasi azienda è necessario possedere anche una buona formazione in economia.

Diventare giurista d’impresa

Oltre alla formazione universitaria e alla consigliata partecipazione a master professionalizzanti, per diventare consulente legale è necessaria una predisposizione umana. Ebbene sì, le ore sui libri, gli esami, la laurea e le qualifiche non fanno un buon consulente. Non bastano.

Per diventare membro attivo e affidabile di un’azienda devi sapere esporre le tue idee supportate dal diritto ma anche dal tuo senso di responsabilità e determinazione. Solo così aiuterai l’impresa ad essere più produttiva senza incorrere in guai con la legge.

Attualmente coloro che svolgono questa professione sono impiegati in aziende medio grandi e non trovano facilmente occupazione in quelle più piccole e a conduzione famigliare. Si sta aprendo una strada in questo senso negli ultimi anni e vale la pena percorrerla per entrare in una nicchia di mercato del lavoro ancora poco battuta.

Non c’è molta concorrenza in questo settore, per cui con una buona proposta e un buon curriculum hai ottime possibilità di successo. Anche i guadagni che si prospettano sono allettanti, ma non si può pretendere uno stipendio altissimo senza aver maturato la giusta esperienza, come in altri lavori la retribuzione del consulente legale è commisurata alle precedenti posizioni lavorative.

Ci auguriamo di averti offerto informazioni sufficienti per orientare la tua scelta verso questa nuova e brillante professione.

Informativa ai dell’art. 13 del Regolamento (UE) n. 679/2016 c.d. GDPR

Vi informiamo, ai sensi dell’art.13 del Regolamento UE 2016/679 (c.d. Regolamento Generale per la protezione dei dati personali – c.d. GDPR) e del decreto Legislativo 30 giugno 2003, n. 196 “Codice in materia di protezione dei dati personali”, che i Vostri dati personali raccolti presso di noi, ovvero altrimenti da noi acquisiti, anche in futuro, saranno oggetto di trattamento da parte nostra in qualità di “Titolare”, anche con l’ausilio di mezzi elettronici e/o automatizzati e sempre nel pieno rispetto della normativa applicabile, per le seguenti finalità del trattamento: attività istituzionali dell'Università, la stessa potrà raccogliere i suoi dati personali, inseriti durante la compilazione dei Form predisposti online e cartacei, potrà pertanto successivamente trattare i suoi dati ai fini dell’instaurazione del rapporto di iscrizione ai corsi di laurea e post laurea, compresa l’attività di orientamento degli studenti per la scelta del percorso universitario; attività di informative promozionali telematiche dei corsi universitari e post-universitari, corsi di specializzazione e simili; attività contabili e amministrative relative alla corretta tenuta delle registrazioni obbligatorie per legge, ovvero all’adempimento di disposizioni delle Autorità pubbliche e degli organismi di vigilanza preposti agli accertamenti. Il Titolare del trattamento e il Responsabile della protezione dei dati personali Titolare del trattamento dei Vostri dati è l’Università Niccolò Cusano – Telematica Roma, con sede in Roma, Via Don Carlo Gnocchi, 3, con Email: privacy@unicusano.it; tramite il https://www.unicusano.it/ è conoscibile l’elenco completo ed aggiornato dei responsabili del trattamento o destinatari. Si informa a tal riguardo che la nostra Università ha provveduto a nominare il proprio Responsabile della protezione dei dati personali (c.d. RPD) l’avvocato Daniela Sasanelli ad ulteriore garanzia dei diritti dell’interessato e come unico punto di contatto con l’Autorità di Controllo, il nostro RPD potrà essere contattato alla seguente email: privacy@unicusano.it Per lo svolgimento di parte delle nostre attività ci rivolgiamo anche a soggetti terzi per l’effettuazione di elaborazioni di dati necessarie per l’esecuzione di particolari compiti e di contratti. I Vostri dati personali potranno, pertanto, essere da noi comunicati a destinatari esterni alla nostra struttura, fermo restando che nessuna diffusione è prevista di tali dati personali a soggetti indeterminati. Tali soggetti verranno nominati responsabile del trattamento. Conferimento dei dati personali e periodo di conservazione degli stessi Il conferimento da parte Vostra dei dati personali, fatta eccezione per quelli previsti da specifiche norme di legge o regolamento, rimane facoltativo. Tuttavia, tali dati personali essendo necessari, oltre che per finalità di legge e/o regolamento, per instaurare il rapporto di iscrizione ai corsi di studio laurea, post laurea e perfezionamento e/o inerente le attività da noi gestite e/o per l’instaurazione del rapporto previdenziale, contrattuale o assicurativo; al fine di dare esecuzione alle relative obbligazioni, il rifiuto di fornirli alla nostra Università potrebbe determinare l’impossibilità di instaurare o dare esecuzione al suddetto rapporto. I vostri dati possono essere conservati oltre il periodo strettamente indispensabile previsto dagli obblighi di legge e comunque al solo fine di fornire ulteriori garanzie a nostri studenti. Diritti dell’interessato, limitazione del trattamento, diritto alla portabilità e diritto di proporre azione innanzi al Garante privacy (c. d reclamo previsto dal regolamento europeo 2016/679/UE) Ai sensi del regolamento europeo sopra citato, Voi avete diritto di essere informati sul nome, la denominazione o la ragione sociale ed il domicilio, la residenza o la sede del titolare e del responsabile del trattamento, e circa le finalità e le modalità dello stesso, nonché di ottenere senza ritardo, a cura del titolare: a) la conferma dell’esistenza o meno di dati personali che Vi riguardano, anche se non ancora registrati, e la comunicazione in forma intelligibile dei medesimi dati e della loro origine, nonché della logica e delle finalità su cui si basa il trattamento: detta richiesta può essere rinnovata, salva l’esigenza per giustificati motivi; b) la cancellazione, la trasformazione in forma anonima o il blocco dei dati eventualmente trattati in violazione di legge, compresi quelli di cui non è necessaria la conservazione in relazione agli scopi per i quali i dati sono stati raccolti o successivamente trattati; c) l’aggiornamento, la rettificazione, ovvero, qualora Vi abbiate interesse, l’integrazione dei dati; d) l’attestazione che le operazioni di cui ai punti b) e c) sono state portate a conoscenza, anche per quanto riguarda il loro contenuto, di coloro ai quali i dati sono stati comunicati o diffusi, eccettuato il caso in cui tale adempimento si riveli impossibile o comporti un impiego di mezzi manifestamente sproporzionato rispetto al diritto tutelato. Oltre ai diritti sopra elencati in qualità di interessati, nei limiti di quanto previsto dal nuovo regolamento europeo, potrete esercitare i diritti di limitazione del trattamento, di opposizione allo stesso ed il diritto alla portabilità esclusivamente per i dati personali da Voi forniti al titolare secondo l’art. 20 del regolamento citato. La informiamo inoltre che il base al Codice della Privacy e al nuovo regolamento europeo potrete proporre azioni a tutela dei Vostri diritti innanzi al Garante per la protezione dei dati personali, c.d. reclamo previsto dal all’art. 77 del predetto regolamento. Si informa infine che nei limiti nei quali sarà ritenuto applicabile al trattamento dei dati che Vi riguardano potrete esercitare un diritto di revoca del consenso al trattamento dei dati comunicando tale revoca al titolare del trattamento.

I dati personali da Lei inseriti saranno comunicati dall'Università ai propri uffici per iniziative formative mediante l'invio di informative promozionali