informazioni@unicusano.it

800 98 73 73

Come diventare revisore contabile: studi e possibilità

Commenti disabilitati su Come diventare revisore contabile: studi e possibilità Studiare a Sassari

Una delle professioni maggiormente perseguite dai nostri studenti dell’Università di Sassari è indubbiamente quella del revisore dei conti. Molti si chiedono come diventare revisore contabile, dunque come avere un ruolo di spicco nella valutazione della contabilità di un’impresa, dal momento che si tratta di un lavoro importante e di rilievo. Il compito del professionista in questo settore è quello di appurare l’esattezza e la correttezza della contabilità, producendo una reportistica sui risultati della verifica.

Revisori contabili: chi sono e cosa fanno

Il revisore contabile è una figura professionale che può prestare servizio sia come dipendente che come libero professionista. Si distingue per essere particolarmente esperto di tutto ciò che riguarda la contabilità di un’azienda, controllando il rispetto della normativa vigente in materia. Ovviamente se lavora come dipendente avrà un regolare contratto di lavoro subordinato presso una società di revisione di conti, mentre se mette in campo le sue abilità come libero professionista lavora con partita Iva, sia sotto la formula della ditta individuale o con la collaborazione di altri professionisti, quando si è costituito come società.

Revisore contabile e revisore legale: due cose diverse

contabilità di un'impresaSpesso, molto più spesso, si sente parlare del revisore legale piuttosto che del revisore contabile. Il revisore contabile è un professionista della revisione, dunque può essere formato nel campo della contabilità in modo ampio, oppure avere esperienza professionale come commercialista, ragioniere o esperto contabile ma può comunque essere contattato da un’azienda che abbia necessità di rivedere le scritture contabili.

Non tutte le aziende devono sottostare all’obbligo di rivedere i conti, questa procedura rientra nelle libere scelte. Quando l’azienda sceglie di farlo si deve rivolgere a un revisore iscritto al Registro dei revisori legali, tenuto dal Ministero dell’Economia e delle Finanze. Questa è una sostanziale differenza tra il revisore legale e il revisore contabile, quest’ultimo ha una funzione più generica, mentre il primo dev’essere iscritto al Registro per norma di legge.

Come si diventa revisore contabile

Uno dei primi passi per iniziare una carriera da revisore dei conti è formarsi in materie economiche. La scelta di studiare Economia all’Università di Sassari è un primo passo verso questo obiettivo per tutti gli studenti della città e della provincia, che possono affidarsi alla competenza dell’Università Niccolò Cusano anche per formarsi a distanza, grazie alla modalità telematica tramite da quale l’ateneo Unicusano da sempre eroga corsi e formazione post universitaria.

Per diventare revisore legale o contabili i requisiti sono gli stessi, e per le lauree del vecchio ordinamento sono valide anche anche le lauree in materie giuridiche. Ricordiamo che il revisore legale è colui che ufficialmente viene riconosciuto tramite l’iscrizione al Registro, mentre quello contabile può operare al di fuori di questo canale ufficiale, ma il suo contributo non avrà medesimo peso dal punto di vista legale.

Tirocinio da revisore e iscrizione all’albo

La laurea dev’essere completata con una preparazione di tipo pratico: il tirocinio. Questa esperienza formativa “sul campo” può essere svolta presso una società di revisione e deve avere una durata pari a tre anni. È possibile reperire maggiori informazioni a riguardo grazie alla pagina del sito internet del Ministero dell’Economia e delle Finanze, dove una sezione è stata appositamente dedicata alle linee guida specifiche per lo svolgimento del tirocinio e il successivo superamento dell’esame di abilitazione.

Il superamento dell’esame garantisce l’iscrizione al registro e quindi si può ufficialmente dire che si è diventati revisori contabili o meglio, revisori legali a tutti gli effetti. L’albo, è diviso in due diverse sezioni:

  • Sezione A: soggetti impegnati in attività di revisione
  • Sezione B: soggetti non impegnati in alcuna revisione, o che non svolgono tale attività da almeno tre anni

Qualsiasi sia la sezione dell’albo a cui si appartiene si può avere ugualmente l’abilitazione. Un’altra specifica da fare riguarda il fatto che un revisore non è obbligato a gestire l’impegno di un’unica revisione, può anche prendere in carico altre, anzi.

Quanto guadagna un revisore contabile

Come abbiamo detto prima un revisore contabile lavora come libero professionista o dipendente. Le due diverse condizioni incidono anche sulle possibilità di guadagno, che però non è semplice da quantificare dal momento che è soggetto a diverse variabili: il numero dei clienti, la tipologia di clienti e la complessità delle aziende seguite.

Quando il professionista lavora per conto di una società di revisione lo stipendio è una classica busta paga mensile, che quantifichiamo intorno ai circa 18.000 euro per coloro che hanno una posizione “junior”, ovvero all’incirca 1.000 euro mensili per chi non possiede già una certa esperienza.

Per maturare un buon bagaglio di competenze e know how e passare alla categoria “senior” quattro anni di esperienza professionale sono un buon numero. In quest’ultimo caso lo stipendio può ammontare anche a circa 36.000 euro all’anno, uno stipendio mensile di circa 1.800 euro al mese. Da questa condizione di seniority si possono raggiungere anche livelli più alti nella carriera da revisore contabile, diventando socio di una società o diventandone direttore e giungendo a una retribuzione annuale che può addirittura superare i 50.000 euro.

Credits foto in evidenza: Depositphotos.com – pressmaster

Credits foto 1: Depositphotos.com – Wavebreakmedia

Informativa ai dell’art. 13 del Regolamento (UE) n. 679/2016 c.d. GDPR

Vi informiamo, ai sensi dell’art.13 del Regolamento UE 2016/679 (c.d. Regolamento Generale per la protezione dei dati personali – c.d. GDPR) e del decreto Legislativo 30 giugno 2003, n. 196 “Codice in materia di protezione dei dati personali”, che i Vostri dati personali raccolti presso di noi, ovvero altrimenti da noi acquisiti, anche in futuro, saranno oggetto di trattamento da parte nostra in qualità di “Titolare”, anche con l’ausilio di mezzi elettronici e/o automatizzati e sempre nel pieno rispetto della normativa applicabile, per le seguenti finalità del trattamento: attività istituzionali dell'Università, la stessa potrà raccogliere i suoi dati personali, inseriti durante la compilazione dei Form predisposti online e cartacei, potrà pertanto successivamente trattare i suoi dati ai fini dell’instaurazione del rapporto di iscrizione ai corsi di laurea e post laurea, compresa l’attività di orientamento degli studenti per la scelta del percorso universitario; attività di informative promozionali telematiche dei corsi universitari e post-universitari, corsi di specializzazione e simili; attività contabili e amministrative relative alla corretta tenuta delle registrazioni obbligatorie per legge, ovvero all’adempimento di disposizioni delle Autorità pubbliche e degli organismi di vigilanza preposti agli accertamenti. Il Titolare del trattamento e il Responsabile della protezione dei dati personali Titolare del trattamento dei Vostri dati è l’Università Niccolò Cusano – Telematica Roma, con sede in Roma, Via Don Carlo Gnocchi, 3, con Email: privacy@unicusano.it; tramite il https://www.unicusano.it/ è conoscibile l’elenco completo ed aggiornato dei responsabili del trattamento o destinatari. Si informa a tal riguardo che la nostra Università ha provveduto a nominare il proprio Responsabile della protezione dei dati personali (c.d. RPD) l’avvocato Daniela Sasanelli ad ulteriore garanzia dei diritti dell’interessato e come unico punto di contatto con l’Autorità di Controllo, il nostro RPD potrà essere contattato alla seguente email: privacy@unicusano.it Per lo svolgimento di parte delle nostre attività ci rivolgiamo anche a soggetti terzi per l’effettuazione di elaborazioni di dati necessarie per l’esecuzione di particolari compiti e di contratti. I Vostri dati personali potranno, pertanto, essere da noi comunicati a destinatari esterni alla nostra struttura, fermo restando che nessuna diffusione è prevista di tali dati personali a soggetti indeterminati. Tali soggetti verranno nominati responsabile del trattamento. Conferimento dei dati personali e periodo di conservazione degli stessi Il conferimento da parte Vostra dei dati personali, fatta eccezione per quelli previsti da specifiche norme di legge o regolamento, rimane facoltativo. Tuttavia, tali dati personali essendo necessari, oltre che per finalità di legge e/o regolamento, per instaurare il rapporto di iscrizione ai corsi di studio laurea, post laurea e perfezionamento e/o inerente le attività da noi gestite e/o per l’instaurazione del rapporto previdenziale, contrattuale o assicurativo; al fine di dare esecuzione alle relative obbligazioni, il rifiuto di fornirli alla nostra Università potrebbe determinare l’impossibilità di instaurare o dare esecuzione al suddetto rapporto. I vostri dati possono essere conservati oltre il periodo strettamente indispensabile previsto dagli obblighi di legge e comunque al solo fine di fornire ulteriori garanzie a nostri studenti. Diritti dell’interessato, limitazione del trattamento, diritto alla portabilità e diritto di proporre azione innanzi al Garante privacy (c. d reclamo previsto dal regolamento europeo 2016/679/UE) Ai sensi del regolamento europeo sopra citato, Voi avete diritto di essere informati sul nome, la denominazione o la ragione sociale ed il domicilio, la residenza o la sede del titolare e del responsabile del trattamento, e circa le finalità e le modalità dello stesso, nonché di ottenere senza ritardo, a cura del titolare: a) la conferma dell’esistenza o meno di dati personali che Vi riguardano, anche se non ancora registrati, e la comunicazione in forma intelligibile dei medesimi dati e della loro origine, nonché della logica e delle finalità su cui si basa il trattamento: detta richiesta può essere rinnovata, salva l’esigenza per giustificati motivi; b) la cancellazione, la trasformazione in forma anonima o il blocco dei dati eventualmente trattati in violazione di legge, compresi quelli di cui non è necessaria la conservazione in relazione agli scopi per i quali i dati sono stati raccolti o successivamente trattati; c) l’aggiornamento, la rettificazione, ovvero, qualora Vi abbiate interesse, l’integrazione dei dati; d) l’attestazione che le operazioni di cui ai punti b) e c) sono state portate a conoscenza, anche per quanto riguarda il loro contenuto, di coloro ai quali i dati sono stati comunicati o diffusi, eccettuato il caso in cui tale adempimento si riveli impossibile o comporti un impiego di mezzi manifestamente sproporzionato rispetto al diritto tutelato. Oltre ai diritti sopra elencati in qualità di interessati, nei limiti di quanto previsto dal nuovo regolamento europeo, potrete esercitare i diritti di limitazione del trattamento, di opposizione allo stesso ed il diritto alla portabilità esclusivamente per i dati personali da Voi forniti al titolare secondo l’art. 20 del regolamento citato. La informiamo inoltre che il base al Codice della Privacy e al nuovo regolamento europeo potrete proporre azioni a tutela dei Vostri diritti innanzi al Garante per la protezione dei dati personali, c.d. reclamo previsto dal all’art. 77 del predetto regolamento. Si informa infine che nei limiti nei quali sarà ritenuto applicabile al trattamento dei dati che Vi riguardano potrete esercitare un diritto di revoca del consenso al trattamento dei dati comunicando tale revoca al titolare del trattamento.

I dati personali da Lei inseriti saranno comunicati dall'Università ai propri uffici per iniziative formative mediante l'invio di informative promozionali