informazioni@unicusano.it

800 98 73 73

Cos’è la comunicazione paraverbale e come imparare a decifrarla

Commenti disabilitati su Cos’è la comunicazione paraverbale e come imparare a decifrarla Studiare a Sassari

Per spiegare cos’è la comunicazione paraverbale dobbiamo parlare di comunicazione in senso più ampio. Il nostro corpo lancia costantemente segnali comunicativi. Anche scegliendo di restare fermi e immobili si sta scegliendo di inviare un messaggio ben preciso, anche in silenzio.

I segnali del corpo e altri linguaggi

comunicazione verbali esempiParole, parole, parole. Ma che dire dei segnali del corpo? Siamo sempre tutti estremamente concentrati ad ascoltare le parole, a parlare, che siamo convinti che la comunicazione verbale sia l’unica possibile. Non è così. E poi anche all’interno della comunicazione verbale si possono riconoscere altri sotto linguaggi, dettagli che aggiungono senso al contenuto del messaggio pur non facendo parte del messaggio stesso, come il tono di voce, l’inclinazione, la scelta di un registro linguistico dialettale, o altro. Da queste caratteristiche della comunicazione dipendono moltissime cose, soprattutto rispetto a come viene recepito il messaggio.

La psicologia ha lungamente studiato questi temi e tuttora se ne occupa approfondendo vari aspetti. Soprattutto l’aspetto emozionale legato alla comunicazione. Non sempre siamo consapevoli di quanto le parole possano suscitare emozioni, o meglio, non tutti hanno sviluppato un’intelligenza emotiva tale da comprendere quale sia realmente l’emozione che provoca un dato messaggio.
Ancora più importante è la capacità di conoscere i segnali del corpo, per inviare e ricevere in modo chiaro certi messaggi e imparare a gestire il tessuto emotivo che intessono le relazioni.

Comunicazione non verbale: qualche esempio

Il nostro cervello recepisce tutto, i nostri occhi vedono e registrano ogni minimo dettaglio e anche se noi non sempre siamo consapevoli di quello che sta accadendo c’è qualcosa che si muove a livello della nostra comprensione inconscia. Quando conosciamo una persona stringiamo la sua mano, osserviamo i suoi lineamenti e i suoi gesti e tutto l’insieme influenza l’idea che ci facciamo. Capiamo cosa vuole comunicare a chi ha di fronte, anche se non lo spiega verbalmente.

Sei stato uno studente, forse adesso frequenti un corso di laurea in psicologia (ed è per questo che stai su questo blog), o forse stai ancora alle scuole superiori. In ogni caso possiamo supporre che ti sia capitato almeno una volta di essere chiamato all’interrogazione. Prima di arrivare alla cattedra cerchi di ripassare mentalmente, attivi il cervello e tenti di recuperare tutte le informazioni immagazzinate, ma nel frattempo sta accadendo qualcos’altro. Anche le tue emozioni si stanno muovendo, si è attivata la funzione emotiva nel cervello e se sei una persona timida stai arrossendo, oppure ti stai sfregando le mani.

Ci sono una miriade di reazioni fisiche diverse, incontrollate, segnali del corpo che appartengono all’aspetto della comunicazione non verbale, importante da conoscere in moltissimi contesti, per apprendere informazioni utili sulle persone che abbiamo di fronte. E possono essere cruciali in molti contesti, non soltanto a scuola. Pensiamo alle aule dei tribunali, o molto più semplicemente ai colloqui di lavoro, dove i recruiter hanno poco tempo a disposizione per capire se un candidato possiede le qualità giuste.

La comunicazione paraverbale: le modalità

comunicazione paralinguisticaAbbiamo parlato soprattutto di comunicazione non verbale, ma non coincide esattamente con quella paraverbale, quest’ultima in realtà è una modalità comunicativa legata in particolar modo alla sfera del linguaggio. Hai presente quella frase che dice “non è importante quel che dici ma come lo dici?”.
Ecco, proprio il modo di dire le cose, alcuni parametri che lo caratterizzano, è parte integrante di una comunicazione completa. Quali sono gli elementi da tenere in considerazione?

  • Velocità del messaggio
  • Timbro vocale
  • Volume

Vediamoli attentamente, impariamo a conoscerne le differenze e le potenzialità, per sapere come comprendere la comunicazione che ci arriva dagli altri.

Il tono di voce nella comunicazione paraverbale

Parla a voce alta e chiara! Non sempre però. Non ci sono regole valide in assoluto, dipende dai contesti, dagli interlocutori. Prima di tutto è importante conoscere il quadro entro il quale si situa la comunicazione. Il tono di voce è un elemento importante e delicato. Possiamo comprendere da subito di quale tono emotivo connota il messaggio, nel momento stesso in cui lo ascoltiamo. Ecco alcuni timbri riconoscibili:

  • Allegro
  • Dolce
  • Arrabbiato
  • Sarcastico
  • Triste

Imparare a dare un nome a questi toni di voce equivale ad avere un vocabolario sufficientemente ampio per definire lo spettro di emozioni che si possono vivere ogni giorno. Ognuna di queste emozioni applica uno “stile comunicativo”, talmente potente che si può anche dire testualmente una frase affettuosa che se pronunciata con tono aggressivo avrà come effetto quello di intimorire l’interlocutore. Chi di voi si ricorda la raccapricciante scena del film Shining in cui un Jack Nicholson con un’espressione spaventosa insegue la moglie pronunciando la fatidica frase “Wendy, tesoro…” senza minimamente suscitare dolcezza negli spettatori, ma semmai angoscia.

Durante le lezioni della tua facoltà ti sarà capitato di sentire il tono di voce autorevole dell’insegnante, che richiamava ad un concetto importante o all’attenzione. Questo è un altro modo per utilizzare la comunicazione paraverbale. Prendi spunto da questi esempi di comunicazione del tono di voce per modulare anche il tuo a seconda di ciò che vuoi trasmettere.

Ritmo della comunicazione

Parlare lentamente o veloce è una questione di scelta, a volte. A volte è un’imposizione dettata dall’emozione, che ti spinge a rallentare oppure a non riuscire più a prendere fiato. Il ritmo dell’eloquio dipende dalle tue sensazioni in quel momento. Sicuramente ti ricordi di quella volta che hai fatto quell’esame di economia e hai parlato velocissimo per non tradire il tuo imbarazzo. Sapevi tutto ma eri comunque teso e parlavi a macchinetta, mentre il professore cercava di carpire qualche tua parola tra la raffica di indici di domande e offerta buttati lì a razzo.

Capita anche il contrario, quando ti metti a parlare lentamente, lentamente, perché in realtà non sai proprio cosa dire.

Voce lenta e voce veloce suscitano negli interlocutori due diverse reazioni. Da una parte la voce lenta può causare tensione, ma anche motivazione, dall’altra la voce lenta suscita calma, difatti in moltissime meditazioni guidate vengono utilizzate registrazioni di voci tranquille e a ritmo lento e sereno.
Ma c’è un altro dettaglio che caratterizza il ritmo della voce, sono le pause. Come nella musica hanno un’importanza cruciale, perché segnalano dove sono concetti importanti. Il momento di silenzio immediatamente successivo ad una frase pronunciata può creare un grande impatto emotivo e dare il tempo alle persone che ascoltano di recepire e assorbire ancora meglio il messaggio.

Studiare psicologia e comunicazione paraverbale

Abbiamo analizzato solo alcuni aspetti di questo tipo di comunicazione, ve ne sono degli altri, ma non tutti sono affrontabili in questo articolo, altrimenti diventerebbe un manuale di psicologia. Uno degli aspetti che ci affascinano di questi studi e approfondimenti è il loro impiego anche in ambito giuridico.

È interessante sapere che sempre più spesso nelle aule di tribunale vengono impiegati professionisti del settore psicologico, esperti nell’analisi paraverbale della comunicazione, per comprendere se nella comunicazione emergono tratti della personalità importanti per inquadrare le persone coinvolte nel processo.
Questa tema viene affrontato spesso nella psicologia criminale, disciplina protagonista del Master di Primo Livello dell’Università Niccolò Cusano, un master altamente qualificante, che si proietta in uno dei temi centrali nel dibattito attuale. Un approccio formativo ma non soltanto teorico, soprattutto pratico, per dare agli studenti strumenti concreti per operare in questo settore.
L’Università Niccolò Cusano di Sassari offre questo master per approfondire il fenomeno criminale da un punto di vista investigativo e psicologico, ma molto spazio verrà lasciato anche per analizzare il punto di vista della vittima.

La formazione attiva dell’Università Niccolò Cusano viene è la migliore occasione per intraprendere uno studio qualificante in psicologia criminale e approcciarsi a questo mondo con le giuste competenze.

Informativa ai dell’art. 13 del Regolamento (UE) n. 679/2016 c.d. GDPR

Vi informiamo, ai sensi dell’art.13 del Regolamento UE 2016/679 (c.d. Regolamento Generale per la protezione dei dati personali – c.d. GDPR) e del decreto Legislativo 30 giugno 2003, n. 196 “Codice in materia di protezione dei dati personali”, che i Vostri dati personali raccolti presso di noi, ovvero altrimenti da noi acquisiti, anche in futuro, saranno oggetto di trattamento da parte nostra in qualità di “Titolare”, anche con l’ausilio di mezzi elettronici e/o automatizzati e sempre nel pieno rispetto della normativa applicabile, per le seguenti finalità del trattamento: attività istituzionali dell'Università, la stessa potrà raccogliere i suoi dati personali, inseriti durante la compilazione dei Form predisposti online e cartacei, potrà pertanto successivamente trattare i suoi dati ai fini dell’instaurazione del rapporto di iscrizione ai corsi di laurea e post laurea, compresa l’attività di orientamento degli studenti per la scelta del percorso universitario; attività di informative promozionali telematiche dei corsi universitari e post-universitari, corsi di specializzazione e simili; attività contabili e amministrative relative alla corretta tenuta delle registrazioni obbligatorie per legge, ovvero all’adempimento di disposizioni delle Autorità pubbliche e degli organismi di vigilanza preposti agli accertamenti. Il Titolare del trattamento e il Responsabile della protezione dei dati personali Titolare del trattamento dei Vostri dati è l’Università Niccolò Cusano – Telematica Roma, con sede in Roma, Via Don Carlo Gnocchi, 3, con Email: privacy@unicusano.it; tramite il https://www.unicusano.it/ è conoscibile l’elenco completo ed aggiornato dei responsabili del trattamento o destinatari. Si informa a tal riguardo che la nostra Università ha provveduto a nominare il proprio Responsabile della protezione dei dati personali (c.d. RPD) l’avvocato Daniela Sasanelli ad ulteriore garanzia dei diritti dell’interessato e come unico punto di contatto con l’Autorità di Controllo, il nostro RPD potrà essere contattato alla seguente email: privacy@unicusano.it Per lo svolgimento di parte delle nostre attività ci rivolgiamo anche a soggetti terzi per l’effettuazione di elaborazioni di dati necessarie per l’esecuzione di particolari compiti e di contratti. I Vostri dati personali potranno, pertanto, essere da noi comunicati a destinatari esterni alla nostra struttura, fermo restando che nessuna diffusione è prevista di tali dati personali a soggetti indeterminati. Tali soggetti verranno nominati responsabile del trattamento. Conferimento dei dati personali e periodo di conservazione degli stessi Il conferimento da parte Vostra dei dati personali, fatta eccezione per quelli previsti da specifiche norme di legge o regolamento, rimane facoltativo. Tuttavia, tali dati personali essendo necessari, oltre che per finalità di legge e/o regolamento, per instaurare il rapporto di iscrizione ai corsi di studio laurea, post laurea e perfezionamento e/o inerente le attività da noi gestite e/o per l’instaurazione del rapporto previdenziale, contrattuale o assicurativo; al fine di dare esecuzione alle relative obbligazioni, il rifiuto di fornirli alla nostra Università potrebbe determinare l’impossibilità di instaurare o dare esecuzione al suddetto rapporto. I vostri dati possono essere conservati oltre il periodo strettamente indispensabile previsto dagli obblighi di legge e comunque al solo fine di fornire ulteriori garanzie a nostri studenti. Diritti dell’interessato, limitazione del trattamento, diritto alla portabilità e diritto di proporre azione innanzi al Garante privacy (c. d reclamo previsto dal regolamento europeo 2016/679/UE) Ai sensi del regolamento europeo sopra citato, Voi avete diritto di essere informati sul nome, la denominazione o la ragione sociale ed il domicilio, la residenza o la sede del titolare e del responsabile del trattamento, e circa le finalità e le modalità dello stesso, nonché di ottenere senza ritardo, a cura del titolare: a) la conferma dell’esistenza o meno di dati personali che Vi riguardano, anche se non ancora registrati, e la comunicazione in forma intelligibile dei medesimi dati e della loro origine, nonché della logica e delle finalità su cui si basa il trattamento: detta richiesta può essere rinnovata, salva l’esigenza per giustificati motivi; b) la cancellazione, la trasformazione in forma anonima o il blocco dei dati eventualmente trattati in violazione di legge, compresi quelli di cui non è necessaria la conservazione in relazione agli scopi per i quali i dati sono stati raccolti o successivamente trattati; c) l’aggiornamento, la rettificazione, ovvero, qualora Vi abbiate interesse, l’integrazione dei dati; d) l’attestazione che le operazioni di cui ai punti b) e c) sono state portate a conoscenza, anche per quanto riguarda il loro contenuto, di coloro ai quali i dati sono stati comunicati o diffusi, eccettuato il caso in cui tale adempimento si riveli impossibile o comporti un impiego di mezzi manifestamente sproporzionato rispetto al diritto tutelato. Oltre ai diritti sopra elencati in qualità di interessati, nei limiti di quanto previsto dal nuovo regolamento europeo, potrete esercitare i diritti di limitazione del trattamento, di opposizione allo stesso ed il diritto alla portabilità esclusivamente per i dati personali da Voi forniti al titolare secondo l’art. 20 del regolamento citato. La informiamo inoltre che il base al Codice della Privacy e al nuovo regolamento europeo potrete proporre azioni a tutela dei Vostri diritti innanzi al Garante per la protezione dei dati personali, c.d. reclamo previsto dal all’art. 77 del predetto regolamento. Si informa infine che nei limiti nei quali sarà ritenuto applicabile al trattamento dei dati che Vi riguardano potrete esercitare un diritto di revoca del consenso al trattamento dei dati comunicando tale revoca al titolare del trattamento.

I dati personali da Lei inseriti saranno comunicati dall'Università ai propri uffici per iniziative formative mediante l'invio di informative promozionali