informazioni@unicusano.it

800 98 73 73

Discorso di laurea: esempi e consigli per scriverne uno perfetto

Commenti disabilitati su Discorso di laurea: esempi e consigli per scriverne uno perfetto Studiare a Sassari

La tua tesi è pronta? Bene, è giunto il momento di esporla alla commissione. Il discorso di laurea ti genera ansia e preoccupazione? È assolutamente normale, dopo tanta fatica vuoi dare il massimo per ottenere il riconoscimento che meriti (e magari anche il massimo dei voti!) Allora leggi questa guida. Abbiamo selezionato i migliori consigli per preparare nel migliore dei modi la discussione della tesi e rendere questo momento incisivo e memorabile per te e per tutti coloro che ti ascolteranno.

Discussione tesi di laurea: alcuni suggerimenti utili

Quando tutto sarà finito ti porterai a casa tanta emozione e soddisfazione. Ma adesso concentra i tuoi sforzi per far conoscere il tuo lavoro agli esperti della commissione. Hai un tempo limitato a disposizione. Di solito la discussione della tesi dura tra i dieci e i venti minuti. I tempi sono importanti, soprattutto perché devi mantenere attiva l’attenzione degli uditori. Per rientrare nei limiti stabiliti prova ad organizzare il tuo discorso di laurea in questo modo:

  • Introduzione: cinque minuti
  • Descrizione del tema centrale: dieci minuti
  • Conclusione: cinque minuti

Per non sforare prova a ridurre di qualche minuto l’inizio e la fine del tuo discorso, la parte più importante resta quella centrale, a cui devi dedicare la maggior parte del tempo. Prova a scrivere un incipit del discorso per la tesi, possibilmente sintetica e d’effetto. A questa frase introduttiva puoi far seguire immediatamente il resto della trattazione.

Nell’esposizione del tema sii esaustivo, non fare ripetizioni e non dilungarti nel ripetere citazioni o teorie già incluse all’interno del lavoro. Il motivo per cui sei chiamato a parlare è la valorizzazione del tuo personale contributo. Fai comprendere le motivazioni che hanno portato alla realizzazione della tesi e evidenzia i risultati raggiunti.

Preparazione del discorso di laurea.

come discutere una tesiPrima di trovarti di fronte alla commissione in preda al panico avrai tutto il tempo per prepararti a dovere. Ricorda che sei l’unico a conoscere approfonditamente l’argomento, l’unico ad averlo studiato. Sei l’esperto, ci si aspetta da te di scoprire qualcosa di nuovo. I professori che ti ascoltano molto probabilmente non sanno nulla a riguardo, fatta eccezione per il relatore e il correlatore, le figure di supporto. La loro presenza dovrebbe infonderti fiducia. Sono gli unici ad aver letto il materiale che hai scritto, ti hanno guidato in fase di realizzazione e ti accompagneranno anche durante l’esposizione. Prima del grande giorno puoi rivolgerti a loro per chiedere consigli su quali sono gli snodi teorici a cui dare più rilevanza. Nel giorno della discussione della tesi sarà probabilmente il relatore a prendere per primo la parola per presentare il progetto di tesi. Dopodiché spetta a te. Punta tutto sui punti di forza, le argomentazioni che dentro di te sono più forti e consolidate. Questi i consigli da tenere bene a mente:

  • Non imparare il discorso a memoria
  • Non leggere dagli appunti (non è consentito)
  • Fai delle prove

Soprattutto l’ultimo punto non è da trascurare. Se hai qualche amico disposto ad offrire un po’ del suo tempo per ascoltare il tuo discorso di laurea approfittane. Ripeterlo più volte di fronte a qualcuno ti darà maggiore sicurezza. Inoltre, se non conosce l’argomento, ti darà un feedback obiettivo sulla comprensione generale e potrebbe anche farti delle domande per aiutare a perfezionare la relazione.

Presentazione tesi di laurea: gli errori da non fare

Punta alla perfezione, ma sappi che qualche errore può capitare, non sarà una tragedia. L’emozione può farti tremare la voce o farti fare pause inaspettate. Preparati anche dal punto di vista psicologico, la pressione degli ultimi mesi o settimane può giocare brutti scherzi, impara a gestire lo stress. Presto sarà un lontano ricordo. Scegli un metodo per studiare con meno fatica. Durante le ultime sessioni di studio e ripasso concediti anche un po’ di relax e qualche premio per gli sforzi che stai facendo.

Cerca di prevedere gli imprevisti. Purtroppo non esistono corsi per apprendere come discutere la tesi, ma ecco alcuni degli errori che puoi evitare:

  • Andare oltre il tempo concordato
  • Non rispondere alle domande in modo pertinente
  • Non guardare in faccia la commissione
  • Rispettare in maniera troppo rigida la scaletta
  • Pronunciare termini stranieri in maniera scorretta

Un esempio di tesi ben discussa è quella che viene illustrata a seconda delle richieste del momento. Saper rispondere alle precisazioni che la commissione potrebbe richiedere è segno di una preparazione profonda e critica, sempre apprezzata anche in fase di valutazione finale. Un voto alto viene dato a chi dimostra di di saper affrontare il tema da diversi punti di vista.

In altri paesi europei ed extraeuropei il momento della discussione viene chiamato “difesa delle tesi”, proprio perché in quel frangente si è invitati a difendere le proprie posizioni. Difatti le domande che ti verranno fatte non devono indurti a pensare che ci sia qualcosa che non va nella seduta di laurea, anzi, probabilmente hai suscitato un pizzico di curiosità. Stai andando bene! Oltre all’incipit della tesi c’è più, loro vogliono che tu ne parli.

Discussione della tesi: la conclusione

scrivere incipit discorso tesiNon si può mai sapere nel dettaglio come funziona una seduta di laurea. È una bella idea quelle di riservare qualche minuto per un discorso finale che includa i ringraziamenti alle persone che hanno contribuito alla redazione della tesi, relatore e correlatore in primis. Renderai la discussione della tesi più significativa anche dal punto di vista umano e resterai impresso nel tempo ai professori della commissione.

Un altro consiglio che ci sentiamo di darti è quello di salutare con una stretta di mano tutte le persone presenti al momento. È una questione formale, ma che denota educazione ed è consigliata per suggellare formalmente uno dei momenti più importanti della tua vita. Non dimenticarti di sorridere. Hai scelto il giusto abbigliamento per la laurea? Sei al top! Probabilmente avrai gli obiettivi delle macchine fotografiche di parenti e amici puntati su di te. È il tuo successo, devi immortalarlo!

Dopo le formule di rito puoi tirare un sospiro di sollievo, è fatta! Ora è arrivato il momento di festeggiare. Attendi di uscire dalla sala di discussione e uscendo non fare troppa confusione o potresti disturbare chi ancora deve affrontare la presentazione della tesi.

Bene, sei finalmente arrivato ad uno dei traguardi della tua carriera formativa. Complimenti! Hai scelto il giusto corso di laurea per trovare lavoro? Allora sei pronto per un’altra sfida da affrontare con grinta ed entusiasmo. Ma prima… festeggia!

Informativa ai dell’art. 13 del Regolamento (UE) n. 679/2016 c.d. GDPR

Vi informiamo, ai sensi dell’art.13 del Regolamento UE 2016/679 (c.d. Regolamento Generale per la protezione dei dati personali – c.d. GDPR) e del decreto Legislativo 30 giugno 2003, n. 196 “Codice in materia di protezione dei dati personali”, che i Vostri dati personali raccolti presso di noi, ovvero altrimenti da noi acquisiti, anche in futuro, saranno oggetto di trattamento da parte nostra in qualità di “Titolare”, anche con l’ausilio di mezzi elettronici e/o automatizzati e sempre nel pieno rispetto della normativa applicabile, per le seguenti finalità del trattamento: attività istituzionali dell'Università, la stessa potrà raccogliere i suoi dati personali, inseriti durante la compilazione dei Form predisposti online e cartacei, potrà pertanto successivamente trattare i suoi dati ai fini dell’instaurazione del rapporto di iscrizione ai corsi di laurea e post laurea, compresa l’attività di orientamento degli studenti per la scelta del percorso universitario; attività di informative promozionali telematiche dei corsi universitari e post-universitari, corsi di specializzazione e simili; attività contabili e amministrative relative alla corretta tenuta delle registrazioni obbligatorie per legge, ovvero all’adempimento di disposizioni delle Autorità pubbliche e degli organismi di vigilanza preposti agli accertamenti. Il Titolare del trattamento e il Responsabile della protezione dei dati personali Titolare del trattamento dei Vostri dati è l’Università Niccolò Cusano – Telematica Roma, con sede in Roma, Via Don Carlo Gnocchi, 3, con Email: privacy@unicusano.it; tramite il https://www.unicusano.it/ è conoscibile l’elenco completo ed aggiornato dei responsabili del trattamento o destinatari. Si informa a tal riguardo che la nostra Università ha provveduto a nominare il proprio Responsabile della protezione dei dati personali (c.d. RPD) l’avvocato Daniela Sasanelli ad ulteriore garanzia dei diritti dell’interessato e come unico punto di contatto con l’Autorità di Controllo, il nostro RPD potrà essere contattato alla seguente email: privacy@unicusano.it Per lo svolgimento di parte delle nostre attività ci rivolgiamo anche a soggetti terzi per l’effettuazione di elaborazioni di dati necessarie per l’esecuzione di particolari compiti e di contratti. I Vostri dati personali potranno, pertanto, essere da noi comunicati a destinatari esterni alla nostra struttura, fermo restando che nessuna diffusione è prevista di tali dati personali a soggetti indeterminati. Tali soggetti verranno nominati responsabile del trattamento. Conferimento dei dati personali e periodo di conservazione degli stessi Il conferimento da parte Vostra dei dati personali, fatta eccezione per quelli previsti da specifiche norme di legge o regolamento, rimane facoltativo. Tuttavia, tali dati personali essendo necessari, oltre che per finalità di legge e/o regolamento, per instaurare il rapporto di iscrizione ai corsi di studio laurea, post laurea e perfezionamento e/o inerente le attività da noi gestite e/o per l’instaurazione del rapporto previdenziale, contrattuale o assicurativo; al fine di dare esecuzione alle relative obbligazioni, il rifiuto di fornirli alla nostra Università potrebbe determinare l’impossibilità di instaurare o dare esecuzione al suddetto rapporto. I vostri dati possono essere conservati oltre il periodo strettamente indispensabile previsto dagli obblighi di legge e comunque al solo fine di fornire ulteriori garanzie a nostri studenti. Diritti dell’interessato, limitazione del trattamento, diritto alla portabilità e diritto di proporre azione innanzi al Garante privacy (c. d reclamo previsto dal regolamento europeo 2016/679/UE) Ai sensi del regolamento europeo sopra citato, Voi avete diritto di essere informati sul nome, la denominazione o la ragione sociale ed il domicilio, la residenza o la sede del titolare e del responsabile del trattamento, e circa le finalità e le modalità dello stesso, nonché di ottenere senza ritardo, a cura del titolare: a) la conferma dell’esistenza o meno di dati personali che Vi riguardano, anche se non ancora registrati, e la comunicazione in forma intelligibile dei medesimi dati e della loro origine, nonché della logica e delle finalità su cui si basa il trattamento: detta richiesta può essere rinnovata, salva l’esigenza per giustificati motivi; b) la cancellazione, la trasformazione in forma anonima o il blocco dei dati eventualmente trattati in violazione di legge, compresi quelli di cui non è necessaria la conservazione in relazione agli scopi per i quali i dati sono stati raccolti o successivamente trattati; c) l’aggiornamento, la rettificazione, ovvero, qualora Vi abbiate interesse, l’integrazione dei dati; d) l’attestazione che le operazioni di cui ai punti b) e c) sono state portate a conoscenza, anche per quanto riguarda il loro contenuto, di coloro ai quali i dati sono stati comunicati o diffusi, eccettuato il caso in cui tale adempimento si riveli impossibile o comporti un impiego di mezzi manifestamente sproporzionato rispetto al diritto tutelato. Oltre ai diritti sopra elencati in qualità di interessati, nei limiti di quanto previsto dal nuovo regolamento europeo, potrete esercitare i diritti di limitazione del trattamento, di opposizione allo stesso ed il diritto alla portabilità esclusivamente per i dati personali da Voi forniti al titolare secondo l’art. 20 del regolamento citato. La informiamo inoltre che il base al Codice della Privacy e al nuovo regolamento europeo potrete proporre azioni a tutela dei Vostri diritti innanzi al Garante per la protezione dei dati personali, c.d. reclamo previsto dal all’art. 77 del predetto regolamento. Si informa infine che nei limiti nei quali sarà ritenuto applicabile al trattamento dei dati che Vi riguardano potrete esercitare un diritto di revoca del consenso al trattamento dei dati comunicando tale revoca al titolare del trattamento.

I dati personali da Lei inseriti saranno comunicati dall'Università ai propri uffici per iniziative formative mediante l'invio di informative promozionali