informazioni@unicusano.it

800 98 73 73

Leggi e fonti normative: come citarle nella tesi di laurea

Commenti disabilitati su Leggi e fonti normative: come citarle nella tesi di laurea Studiare a Sassari

Le leggi e le fonti normative in tesi di laurea di diritto sono ricorrenti. Ma può darsi che non solo per la facoltà di Giurisprudenza a Sassari, ma anche per redigere tesi di laurea di altre materie sia necessario avere a che fare con questo tipo di fonte. Bisogna saperla trattare. La legge italiana è costituita da un numero pressoché illimitato di leggi. Nessuno ha mai fatto la conta delle leggi dell’ordinamento italiano, ma si dice che superino il milione. Non ci sono solo leggi, ma anche decreti, regolamenti, circolari e provvedimenti di ogni tipo. In questo articolo ti spiegheremo come citare una di queste leggi all’interno della tua tesi di laurea.

Le leggi nelle tesi di laurea

citazioni legge nella tesi di laureaLe leggi italiane hanno un nome? È giusto chiederselo. In qualche modo sì. Possiedono degli estremi come identificativi. Precisamente hanno un numero e una data, che consentono di risalire all’identità del provvedimento. Ma non è l’unico caso di denominazione di una legge. Effettivamente ci sono riforme che sono comunemente conosciute attraverso il loro nome, ad esempio la legge Bossi-Fini, la legge Merlin o anche il più recente Jobs Act.

Queste ultime denominazioni, però, non sono quelle considerate ufficiali e vengono assegnate alle leggi soltanto per convenzione e per poterle nominare più comodamente da parte dell’opinione pubblica.

Leggi e fonti normative nella tesi di laurea: come citarle

Vediamo come citare una legge all’interno di una tesi di laurea. Soprattutto per le tesi di laurea in giurisprudenza è importante essere rigorosi e attenti. Non si può sintetizzare una legge e spesso va riportata in maniera estesa, seguendo un particolare schema. Te lo indichiamo di seguito:

  • tipo di atto(legge, decreto legge, decreto legislativo);
  • data di promulgazione, composta di giorno, mese ed anno;
  • il numero del provvedimento (è sufficiente l’abbreviazione ), che indica il numero progressivo nell’anno;
  • il titolo, cioè l’argomento di cui tratta (riportato nella legge stessa).

Di conseguenza, se volessimo citare correttamente, in forma estesa, la famosissima legge 104 sui portatori di handicap, dovremmo scrivere:

  • Legge 5 febbraio 1992, n. 104, “Legge-quadro per l’assistenza, l’integrazione sociale e i diritti delle persone handicappate”.

La citazione formale (cioè, in forma estesa) di una legge ci consente di individuare facilmente la data in cui essa è stata promulgata, il numero della legge in riferimento all’anno (nell’esempio appena riportato, si tratta della 104esima legge dell’anno 1992) e la materia che viene disciplinata dal provvedimento.

Date delle leggi nella tesi di laurea

Un dato di fondamentale importanza è la data di promulgazione, necessaria per definire correttamente una legge, oltre al numero e al titolo. Ma c’è un’altra data che può essere utile citare nella tesi, ovvero la data di pubblicazione della legge. La data di pubblicazione e la data di promulgazione di una legge non sono la stessa cosa, anzi, sono due informazioni piuttosto diverse. Vediamo le differenze, per comprendere ancora più pienamente come citare le leggi nella tesi senza commettere errori.

La promulgazione di una legge è l’atto attraverso il quale il Presidente della Repubblica certifica la regolarità della legge, di solito entro un mese dall’approvazione parlamentare. Attraverso la promulgazione ordina la sua pubblicazione e la sua osservanza.

La pubblicazione della legge è invece un atto particolare, ad opera del Ministro della Giustizia, attraverso il quale il testo di legge viene inserito nella Raccolta Ufficiale degli atti normativi della Repubblica Italiana e pubblicato nella Gazzetta Ufficiale della Repubblica.

Sia promulgazione che pubblicazione sono atti di fondamentale importanza. Dopo la pubblicazione, come di regola, passano quindici giorni prima dell’effettiva entrata in vigore. Questo tempo, chiamato vacatio legis, viene dato a disposizione ai cittadini per informarsi sull’emanazione di una nuova legge e per conformarvisi.

Riprendiamo l’esempio che abbiamo citato precedentemente, quando abbiamo indicato gli estremi precisi per la citazione delle leggi in tesi di laurea. Se volessimo essere particolarmente precisi e pignoli questa sarebbe la formula giusta per la citazione:

Legge 5 febbraio 1992, n. 104, “Legge-quadro per l’assistenza, l’integrazione sociale e i diritti delle persone handicappate” (Pubblicata in G. U. 17 febbraio 1992, n. 39).

Citare leggi in forma abbreviata

Dagli esempi di citazione di norme e leggi che abbiamo fatto fino a qui si evince abbastanza facilmente che per essere corretti bisogna anche essere piuttosto prolissi. Fortunatamente esistono anche forme più stringate e veloci, tramite le quali è possibile abbreviarle.

Queste citazioni di leggi e norme in forma abbreviata però sono da considerarsi utili per contesti meno formali, e forse la tesi di laurea non è uno di questi.

In ogni caso può tornare utile conoscere il modo più veloce per indicare una fonte giuridica. Eccolo:

  • il tipo di atto (scritto in modo abbreviato: per legge; D. lgs. per decreto legislativo; D.l. per decreto legge; ecc.)
  • numero dell’atto, seguito dalla barra /
  • la data

Di conseguenza, se volessimo citare la legge 104 in forma abbreviata, potremmo scrivere:

  • 104/1992, oppure
  • n. 104/1992, o ancora;
  • n. 104/92

Ci auguriamo che queste indicazioni ti siano state utili per redigere la tua tesi in Giurisprudenza, trovando un modo uniforme, chiaro e semplice per citare leggi e fonti normative nella tesi di laurea.

Informativa ai dell’art. 13 del Regolamento (UE) n. 679/2016 c.d. GDPR

Vi informiamo, ai sensi dell’art.13 del Regolamento UE 2016/679 (c.d. Regolamento Generale per la protezione dei dati personali – c.d. GDPR) e del decreto Legislativo 30 giugno 2003, n. 196 “Codice in materia di protezione dei dati personali”, che i Vostri dati personali raccolti presso di noi, ovvero altrimenti da noi acquisiti, anche in futuro, saranno oggetto di trattamento da parte nostra in qualità di “Titolare”, anche con l’ausilio di mezzi elettronici e/o automatizzati e sempre nel pieno rispetto della normativa applicabile, per le seguenti finalità del trattamento: attività istituzionali dell'Università, la stessa potrà raccogliere i suoi dati personali, inseriti durante la compilazione dei Form predisposti online e cartacei, potrà pertanto successivamente trattare i suoi dati ai fini dell’instaurazione del rapporto di iscrizione ai corsi di laurea e post laurea, compresa l’attività di orientamento degli studenti per la scelta del percorso universitario; attività di informative promozionali telematiche dei corsi universitari e post-universitari, corsi di specializzazione e simili; attività contabili e amministrative relative alla corretta tenuta delle registrazioni obbligatorie per legge, ovvero all’adempimento di disposizioni delle Autorità pubbliche e degli organismi di vigilanza preposti agli accertamenti. Il Titolare del trattamento e il Responsabile della protezione dei dati personali Titolare del trattamento dei Vostri dati è l’Università Niccolò Cusano – Telematica Roma, con sede in Roma, Via Don Carlo Gnocchi, 3, con Email: privacy@unicusano.it; tramite il https://www.unicusano.it/ è conoscibile l’elenco completo ed aggiornato dei responsabili del trattamento o destinatari. Si informa a tal riguardo che la nostra Università ha provveduto a nominare il proprio Responsabile della protezione dei dati personali (c.d. RPD) l’avvocato Daniela Sasanelli ad ulteriore garanzia dei diritti dell’interessato e come unico punto di contatto con l’Autorità di Controllo, il nostro RPD potrà essere contattato alla seguente email: privacy@unicusano.it Per lo svolgimento di parte delle nostre attività ci rivolgiamo anche a soggetti terzi per l’effettuazione di elaborazioni di dati necessarie per l’esecuzione di particolari compiti e di contratti. I Vostri dati personali potranno, pertanto, essere da noi comunicati a destinatari esterni alla nostra struttura, fermo restando che nessuna diffusione è prevista di tali dati personali a soggetti indeterminati. Tali soggetti verranno nominati responsabile del trattamento. Conferimento dei dati personali e periodo di conservazione degli stessi Il conferimento da parte Vostra dei dati personali, fatta eccezione per quelli previsti da specifiche norme di legge o regolamento, rimane facoltativo. Tuttavia, tali dati personali essendo necessari, oltre che per finalità di legge e/o regolamento, per instaurare il rapporto di iscrizione ai corsi di studio laurea, post laurea e perfezionamento e/o inerente le attività da noi gestite e/o per l’instaurazione del rapporto previdenziale, contrattuale o assicurativo; al fine di dare esecuzione alle relative obbligazioni, il rifiuto di fornirli alla nostra Università potrebbe determinare l’impossibilità di instaurare o dare esecuzione al suddetto rapporto. I vostri dati possono essere conservati oltre il periodo strettamente indispensabile previsto dagli obblighi di legge e comunque al solo fine di fornire ulteriori garanzie a nostri studenti. Diritti dell’interessato, limitazione del trattamento, diritto alla portabilità e diritto di proporre azione innanzi al Garante privacy (c. d reclamo previsto dal regolamento europeo 2016/679/UE) Ai sensi del regolamento europeo sopra citato, Voi avete diritto di essere informati sul nome, la denominazione o la ragione sociale ed il domicilio, la residenza o la sede del titolare e del responsabile del trattamento, e circa le finalità e le modalità dello stesso, nonché di ottenere senza ritardo, a cura del titolare: a) la conferma dell’esistenza o meno di dati personali che Vi riguardano, anche se non ancora registrati, e la comunicazione in forma intelligibile dei medesimi dati e della loro origine, nonché della logica e delle finalità su cui si basa il trattamento: detta richiesta può essere rinnovata, salva l’esigenza per giustificati motivi; b) la cancellazione, la trasformazione in forma anonima o il blocco dei dati eventualmente trattati in violazione di legge, compresi quelli di cui non è necessaria la conservazione in relazione agli scopi per i quali i dati sono stati raccolti o successivamente trattati; c) l’aggiornamento, la rettificazione, ovvero, qualora Vi abbiate interesse, l’integrazione dei dati; d) l’attestazione che le operazioni di cui ai punti b) e c) sono state portate a conoscenza, anche per quanto riguarda il loro contenuto, di coloro ai quali i dati sono stati comunicati o diffusi, eccettuato il caso in cui tale adempimento si riveli impossibile o comporti un impiego di mezzi manifestamente sproporzionato rispetto al diritto tutelato. Oltre ai diritti sopra elencati in qualità di interessati, nei limiti di quanto previsto dal nuovo regolamento europeo, potrete esercitare i diritti di limitazione del trattamento, di opposizione allo stesso ed il diritto alla portabilità esclusivamente per i dati personali da Voi forniti al titolare secondo l’art. 20 del regolamento citato. La informiamo inoltre che il base al Codice della Privacy e al nuovo regolamento europeo potrete proporre azioni a tutela dei Vostri diritti innanzi al Garante per la protezione dei dati personali, c.d. reclamo previsto dal all’art. 77 del predetto regolamento. Si informa infine che nei limiti nei quali sarà ritenuto applicabile al trattamento dei dati che Vi riguardano potrete esercitare un diritto di revoca del consenso al trattamento dei dati comunicando tale revoca al titolare del trattamento.

I dati personali da Lei inseriti saranno comunicati dall'Università ai propri uffici per iniziative formative mediante l'invio di informative promozionali