informazioni@unicusano.it

800 98 73 73

Regola delle 5 w: che cos’è e a che serve

Commenti disabilitati su Regola delle 5 w: che cos’è e a che serve Studiare a Sassari

Per la regola delle 5 W dobbiamo dire grazie agli inglesi. Il giornalismo anglosassone ha ideato questo schema per strutturare un articolo o un discorso in modo chiaro e conciso. Questa definizione indica una serie di cinque domande che orientano la scrittura di un articolo, soprattutto nell’attacco iniziale. Ti raccontiamo la storia dietro questo caposaldo della tecnica giornalistica e come può esserti utile per scrivere articoli impeccabili.

Regola delle 5 w: le origini

come scrivere un articoloAlla base di questa tecnica c’è una storia molto antica. Un articolo di giornale ha una struttura ben precisa perché nel corso del tempo si è a lungo discusso su quali fossero i metodi migliori di esposizione degli argomenti. Dietro quest’apparente questione tecnica c’è un approfondimento ulteriore sui meccanismi di conoscenza e apprendimento. Tematiche che sono state esplorate molto prima della nascita del giornalismo.
Furono i filosofi per primi ad interrogarsi su come fare ricerca su un determinato argomento riuscendo a sviscerarlo completamente. Forse il primo ad un utilizzare una tecnica simile alla regola delle 5 w fu il retore Ermagora di Temno. La sua argomentazione si basava su sette “topoi”:

  • Quis
  • Quid
  • Quando
  • Ubi
  • Cur
  • Quem ad modum
  • Quibus adminiculis

Da questo primo contributo ne scaturirono altri, da Cicerone a Giulio Vittore, da Boezio fino a Givanni di Salisbury nel XII secolo.

È interessante indagare l’origine della struttura di un articolo perché ci pone di fronte alla riflessione sugli elementi del giornalismo che si intrecciano con le questioni filosofiche, come i meccanismi di apprendimento e comunicazione, ma non solo. È importante comprendere come si è evoluto il modo di raccontare i fatti anche dal punto di vista giuridico. La divulgazione di notizie false o tendenziose è un tema della giurisprudenza, molto importante e sentito negli ultimi anni.

Primi esempi di regola delle 5 w

San Tommaso D’Aquino in tempi non sospetti individuò quali erano gli elementi peculiari dell’azione morale, esponendo il suo pensiero nella sua opera principale.

Il concetto più rilevante su cui si sofferma è la distinzione tra l’oggetto dell’azione e il soggetto. Le circostanze in cui il soggetto agisce conferiscono un significato diverso all’azione. Se applichiamo questa riflessione alla questione giornalistica è facile comprendere quanto sia importante comunicare un caso di furto sottolineando le condizioni che hanno spinto al fatto, se necessità primarie o altro.
Gli elementi individuati da Tommaso d’Aquino sono simili ai quesiti della mappa concettuale delle 5 w formulata in tempi più recenti:

  • Quis
  • Quid
  • Quando
  • Ubi
  • Cur
  • Quantum
  • Quomodo
  • Quibus Auxilis

È facile capire come scrivere un articolo di giornale sfruttando queste indicazioni. Anche attualmente questo schema ci offre l’introduzione perfetta per una cronaca, come nel caso del furto di cui abbiamo parlato prima. Nel primo paragrafo rientrerebbero le informazioni principali:

  • Chi lo ha commesso
  • Che cosa ha rubato
  • Quando è avventuo il furto
  • Il luogo/i luoghi del fatto
  • La motivazione

A queste prime domande che rispondono allo schema delle 5 w si aggiungono:

  • Quanto ha rubato
  • In che modo
  • Con quali mezzi

Grazie a questi approfondimenti si può scrivere un articolo di giornale completo, esaustivo ed oggettivo.

Come scrivere un articolo di giornale

Le cinque w sono un classico del giornalismo, uno dei pilastri portanti dell’informazione. Sono utilizzati come punti fondamentali nell’introduzione di un pezzo. Il giornalista si pone e risponde alle stesse domande che si presumibilmente si pone il lettore:

  • Who?
  • What?
  • When?
  • Where?
  • Why?

Tenendo facilmente a mente queste domande i giornalisti non hanno la possibilità di dimenticare le informazioni più importanti. Ma il compito di chi scrive è comunque quello di fornire le giuste informazioni e quindi di utilizzare questa mappa concettuale in maniera libera e flessibile. Per esempio, a seconda del tipo di articolo da scrivere, si può aggiungere la domanda “How?” per spiegare come si è svolta la dinamica di un’azione, mentre in altri casi rispondere alla domanda “Why?” può essere rischioso. Lo è in quei casi in cui le ragioni del gesto o di un’azione non sono esplicitate. Sarebbe opportuno che il giornalista non comunichi le sue personali opinioni e interpretazioni.

La tecnica è molto utile è aiuta anche nella capacità di sintetizzare, sempre più importante in seguito alla contrazione dei tempi dedicati all’informazione da un’altissima percentuale di persone. Grazie a questo stratagemma si forniscono nell’immediato le informazioni più importanti e si scende nel dettaglio in un secondo momento, come nello schema della piramide rovesciata, molto utilizzata anche nella scrittura per il web.

Scrivere articoli per la stampa, sia web che cartacea, è una professione e come tale ha i suoi segreti dl mestiere. Lo schema delle 5 w è solo uno di questi, al quale si devono accompagnare le abilità personali, una buona predisposizione per l’ascolto e la comunicazione e ottime capacità di scrittura. Diventare giornalisti professionisti, pubblicisti o professionisti dell’informazione è una grandissima soddisfazione. Non ti resta che superare il blocco del foglio bianco scegliendo una struttura semplice ed efficace come le 5 w o la piramide invertita e poi lasciarti andare al desiderio di raccontare i fatti ed informare.

Informativa ai dell’art. 13 del Regolamento (UE) n. 679/2016 c.d. GDPR

Vi informiamo, ai sensi dell’art.13 del Regolamento UE 2016/679 (c.d. Regolamento Generale per la protezione dei dati personali – c.d. GDPR) e del decreto Legislativo 30 giugno 2003, n. 196 “Codice in materia di protezione dei dati personali”, che i Vostri dati personali raccolti presso di noi, ovvero altrimenti da noi acquisiti, anche in futuro, saranno oggetto di trattamento da parte nostra in qualità di “Titolare”, anche con l’ausilio di mezzi elettronici e/o automatizzati e sempre nel pieno rispetto della normativa applicabile, per le seguenti finalità del trattamento: attività istituzionali dell'Università, la stessa potrà raccogliere i suoi dati personali, inseriti durante la compilazione dei Form predisposti online e cartacei, potrà pertanto successivamente trattare i suoi dati ai fini dell’instaurazione del rapporto di iscrizione ai corsi di laurea e post laurea, compresa l’attività di orientamento degli studenti per la scelta del percorso universitario; attività di informative promozionali telematiche dei corsi universitari e post-universitari, corsi di specializzazione e simili; attività contabili e amministrative relative alla corretta tenuta delle registrazioni obbligatorie per legge, ovvero all’adempimento di disposizioni delle Autorità pubbliche e degli organismi di vigilanza preposti agli accertamenti. Il Titolare del trattamento e il Responsabile della protezione dei dati personali Titolare del trattamento dei Vostri dati è l’Università Niccolò Cusano – Telematica Roma, con sede in Roma, Via Don Carlo Gnocchi, 3, con Email: privacy@unicusano.it; tramite il https://www.unicusano.it/ è conoscibile l’elenco completo ed aggiornato dei responsabili del trattamento o destinatari. Si informa a tal riguardo che la nostra Università ha provveduto a nominare il proprio Responsabile della protezione dei dati personali (c.d. RPD) l’avvocato Daniela Sasanelli ad ulteriore garanzia dei diritti dell’interessato e come unico punto di contatto con l’Autorità di Controllo, il nostro RPD potrà essere contattato alla seguente email: privacy@unicusano.it Per lo svolgimento di parte delle nostre attività ci rivolgiamo anche a soggetti terzi per l’effettuazione di elaborazioni di dati necessarie per l’esecuzione di particolari compiti e di contratti. I Vostri dati personali potranno, pertanto, essere da noi comunicati a destinatari esterni alla nostra struttura, fermo restando che nessuna diffusione è prevista di tali dati personali a soggetti indeterminati. Tali soggetti verranno nominati responsabile del trattamento. Conferimento dei dati personali e periodo di conservazione degli stessi Il conferimento da parte Vostra dei dati personali, fatta eccezione per quelli previsti da specifiche norme di legge o regolamento, rimane facoltativo. Tuttavia, tali dati personali essendo necessari, oltre che per finalità di legge e/o regolamento, per instaurare il rapporto di iscrizione ai corsi di studio laurea, post laurea e perfezionamento e/o inerente le attività da noi gestite e/o per l’instaurazione del rapporto previdenziale, contrattuale o assicurativo; al fine di dare esecuzione alle relative obbligazioni, il rifiuto di fornirli alla nostra Università potrebbe determinare l’impossibilità di instaurare o dare esecuzione al suddetto rapporto. I vostri dati possono essere conservati oltre il periodo strettamente indispensabile previsto dagli obblighi di legge e comunque al solo fine di fornire ulteriori garanzie a nostri studenti. Diritti dell’interessato, limitazione del trattamento, diritto alla portabilità e diritto di proporre azione innanzi al Garante privacy (c. d reclamo previsto dal regolamento europeo 2016/679/UE) Ai sensi del regolamento europeo sopra citato, Voi avete diritto di essere informati sul nome, la denominazione o la ragione sociale ed il domicilio, la residenza o la sede del titolare e del responsabile del trattamento, e circa le finalità e le modalità dello stesso, nonché di ottenere senza ritardo, a cura del titolare: a) la conferma dell’esistenza o meno di dati personali che Vi riguardano, anche se non ancora registrati, e la comunicazione in forma intelligibile dei medesimi dati e della loro origine, nonché della logica e delle finalità su cui si basa il trattamento: detta richiesta può essere rinnovata, salva l’esigenza per giustificati motivi; b) la cancellazione, la trasformazione in forma anonima o il blocco dei dati eventualmente trattati in violazione di legge, compresi quelli di cui non è necessaria la conservazione in relazione agli scopi per i quali i dati sono stati raccolti o successivamente trattati; c) l’aggiornamento, la rettificazione, ovvero, qualora Vi abbiate interesse, l’integrazione dei dati; d) l’attestazione che le operazioni di cui ai punti b) e c) sono state portate a conoscenza, anche per quanto riguarda il loro contenuto, di coloro ai quali i dati sono stati comunicati o diffusi, eccettuato il caso in cui tale adempimento si riveli impossibile o comporti un impiego di mezzi manifestamente sproporzionato rispetto al diritto tutelato. Oltre ai diritti sopra elencati in qualità di interessati, nei limiti di quanto previsto dal nuovo regolamento europeo, potrete esercitare i diritti di limitazione del trattamento, di opposizione allo stesso ed il diritto alla portabilità esclusivamente per i dati personali da Voi forniti al titolare secondo l’art. 20 del regolamento citato. La informiamo inoltre che il base al Codice della Privacy e al nuovo regolamento europeo potrete proporre azioni a tutela dei Vostri diritti innanzi al Garante per la protezione dei dati personali, c.d. reclamo previsto dal all’art. 77 del predetto regolamento. Si informa infine che nei limiti nei quali sarà ritenuto applicabile al trattamento dei dati che Vi riguardano potrete esercitare un diritto di revoca del consenso al trattamento dei dati comunicando tale revoca al titolare del trattamento.

I dati personali da Lei inseriti saranno comunicati dall'Università ai propri uffici per iniziative formative mediante l'invio di informative promozionali