informazioni@unicusano.it

800 98 73 73

Settore retail: che cos’è e come si lavora in questo mondo

Commenti disabilitati su Settore retail: che cos’è e come si lavora in questo mondo Studiare a Sassari

Il macrosettore della vendita ingloba altri ambiti specifici. Con la definizione settore retail si definisce quell’ambito di vendita al dettaglio. Per essere ancora più chiari tutte le attività commerciali che si occupano di vendita diretta la pubblico. L’ultima parte del processo ma non la meno importante. Anzi, forse la più delicata. Questo articolo ti accompagnerà a scoprire con maggiore chiarezza come funziona questo settore e di cosa si occupa in retail manager. Se hai la stoffa del venditore e una buona predisposizione alle relazioni sociali questo lavoro fa per te.

Che cos’è il retail

corporate e retail differenzaLa sola definizione non basta a racchiudere la complessità di un ambito come quello della vendita al consumatore finale. Gli scambi commerciali sono sempre esistiti, fin dalla notte dei tempi. Sono sempre esistite classi sociali e individui incaricati di occuparsi di questo genere di relazioni. La specializzazione che ha raggiunto nel corso dei secoli il rapporto tra venditore e consumatore è difficile da ripercorrere. Noi qui ci teniamo a precisare come si è strutturato il settore retail, un particolare comparto delle vendite, molto legato al pubblico.

In generale si tratta dell’ultimo anello di una filiera. Il venditore si rifornisce, acquistando una quantità di prodotto da chi lo produce o dal distributore (anche chiamato grossista) a un prezzo minore di quello a cui lo rivenderà, pertanto riuscirà a ricavare un profitto.

Ci sono delle differenze che modificano l’assetto di questo processo a seconda delle tipologie di prodotto. Ad esempio, per i prodotti informativi ed elettronici capita che sia la stessa impresa di distribuzione ad occuparsi della vendita. In altri casi è inclusa la consegna a domicilio. Mentre per il settore alimentare si accorciano i passaggi. Soprattutto per i prodotti ortofrutticoli il venditore deve approvvigionarsi spesso e direttamente dal produttore.

Di cosa si occupa il retail manager

Quante competenze e abilità devono possedere coloro che lavorano in un negozio? Tante, molte più di quelle che si crede. Effettivamente si tratta di un lavoro a metà strada tra il rapporto con il pubblico e la contabilità. Una buona capacità di gestire lo stress può facilitare il superamento di momenti di crisi o di periodi particolarmente impegnativi. Tutti abbiamo bene in mente le immagini delle lunghe code ai negozi durante i saldi, oppure durante le vacanze di Natale. Ecco, immagina a quante preoccupazioni ha per la testa chi deve affrontare la gestione di un negozio in quel frangente. Non è così solo in un periodo ben delimitato, ma anche negli altri momenti dell’anno. I compiti che dovrà gestire addetto vendite sono questi:

  • Controllo dell’approvvigionamento
  • Gestione del prezzo
  • Rotazione delle scorte
  • Contatti con i fornitori
  • Pianificazione dell’esposizione
  • Rapporto con la clientela

Nessuno di questi compiti è semplice. L’esposizione di una vetrina, che a primo impatto può sembrare un gioco da ragazzi in realtà comporta una buona dose di occhio e di eleganza, una conoscenza delle regole del neuromarketing e delle preferenze degli acquirenti.

Vendita al dettaglio e rapporto con il pubblico

Saper intercettare i gusti della clientela in modo convincente ma senza essere eccessivamente invadenti: questa è la sfida di ogni retail manager. Non solo in un negozio fisico, ma anche tramite un portale di vendita. La nuova battaglia del commercio si gioca sulla rete. L’aumento di e-commerce e di canali di vendita on line ha stravolto lo scenario, nuove abitudini di acquisto impongono nuove modalità.

Se da una parte è più semplice lavorare tramite internet, dall’altra le esigenze dei clienti sono più precise, più complesse e fluide. Il cliente desidera un servizio sempre più personalizzato, anche nel post vendita.
Questa tendenza conferma un dato interessante: il rapporto umano è fondamentale ed è il valore aggiunto dell’esperienza della vendita al dettaglio in negozio. Anche nell’era della tecnologia spinta agli eccessi niente potrà sostituire il rapporto personale che si instaura con un addetto al settore retail, che conosce la merce ma soprattutto che conosce chi gravita intorno al negozio, chi può apprezzare quel determinato articolo.

Pensa ai negozi di abbigliamento. Ti sarà capitato di rivolgerti sempre allo stesso, perché sai che lì troverai quello che cerchi. Può funzionare così anche su un sito di e-commerce, ma conquisterà la tua fiducia soprattutto se sarà in grado di costruire un percorso di acquisto su misura per te, con consigli e possibilità di interazioni analoghe a quelle che si verificano in negozio.

La formazione per lavorare come manager nella vendita

Lavorare nel commercio è un’esperienza bellissima, come ogni esperienza professionale dovrebbe essere. Il settore cambia e si trasforma nel tempo, a seconda del periodo storico ed economico, ponendo sempre nuovi stimoli agli addetti ai lavori. A maggior ragione in questa importante epoca storica che, come abbiamo visto prima, ha messo insieme tecnologia e vendita in modo unico e innovativo.

Di conseguenza per ricoprire il ruolo di retail specialist o di retail manager è davvero necessario specializzarsi, essere operativi su più fronti e competenti in diversi ambiti.

Bisogna ammettere che si tratta di un lavoro che si basa più sull’esperienza che sulla teoria, ma una buona formazione universitaria e specialistica può fare la differenza, soprattutto se ambisci a ricoprire un ruolo di rilievo per importanti brand.

Una possibilità in più è data a coloro che scelgono un corso di laurea in Economia. La capacità di manovrare denaro, pianificare acquisti e spese di gestione rispettando un budget e un flusso costante ed equilibrato di entrate e uscite è un ottimo punto di partenza per fare breccia in coloro che selezionano responsabili dei reparti vendita.

Unitamente a queste skills più legate all’aspetto economico si devono possedere sensibilità di tipo relazionale e umano. Un approccio rispettoso delle persone, clienti e collaboratori, è vincente. È stato dimostrato che un clima sereno e partecipativo all’interno dei negozi aumenta il fatturato: le vendite aumentano perché i commessi sono soddisfatti del proprio lavoro e fanno in modo che il cliente percepisca quell’atmosfera di soddisfazione, favorendo gli acquisti.

Master Unicusano in Economia

mercato retail significatoTra le scelte formative più incisive ed efficaci il master rappresenta la punta di diamante, il gradino più alto della scala. All’Università Telematica Niccolò Cusano abbiamo compreso già da diverso tempo quale profonda esigenza stesse percependo il settore retail. Mancavano persone in grado di avere una base strutturata nella varietà di discipline necessarie a diventare un buon retail manager.

Così abbiamo sopperito a questa mancanza con un programma ad hoc, pensato per integrare le nuove tendenze tecnologiche alle abilità relazionali e di gestione del personale.

Un piano di studi capace di affrontare tutte le questioni tipiche della gestione di un negozio o un’impresa commerciale, con basi di finanza, diritto e management. Un ottimo modo per completare una formazione in Economia oppure per dare ancora più stabilità e affidabilità ad un’esperienza pregressa come addetto vendita. Se vuoi fare finalmente il salto di qualità sul lavoro è questa l’occasione giusta.

Il Master, in modalità telematica, asseconda i bisogni di chi è già alle prese con la professione. Le lezioni on line in streaming sono sempre disponibili, senza limitazioni di orario. Una bella comodità per te che non puoi rinunciare al tuo stipendio ma vuoi passare di livello e iniziare la scalata verso una nuova posizione.

Oppure per te che hai terminato gli studi universitari e cerchi uno stimolo per migliorarti, ma non hai la possibilità di spostarti fisicamente. Non rinunciare al tuo sogno e specializzati in un settore che non morirà mai.
Il retail sarà sempre un campo in cui ci sarà bisogno di nuove leve, ma solo quelle preparate avranno la meglio, un’occasione in più per distinguersi.

Informativa ai dell’art. 13 del Regolamento (UE) n. 679/2016 c.d. GDPR

Vi informiamo, ai sensi dell’art.13 del Regolamento UE 2016/679 (c.d. Regolamento Generale per la protezione dei dati personali – c.d. GDPR) e del decreto Legislativo 30 giugno 2003, n. 196 “Codice in materia di protezione dei dati personali”, che i Vostri dati personali raccolti presso di noi, ovvero altrimenti da noi acquisiti, anche in futuro, saranno oggetto di trattamento da parte nostra in qualità di “Titolare”, anche con l’ausilio di mezzi elettronici e/o automatizzati e sempre nel pieno rispetto della normativa applicabile, per le seguenti finalità del trattamento: attività istituzionali dell'Università, la stessa potrà raccogliere i suoi dati personali, inseriti durante la compilazione dei Form predisposti online e cartacei, potrà pertanto successivamente trattare i suoi dati ai fini dell’instaurazione del rapporto di iscrizione ai corsi di laurea e post laurea, compresa l’attività di orientamento degli studenti per la scelta del percorso universitario; attività di informative promozionali telematiche dei corsi universitari e post-universitari, corsi di specializzazione e simili; attività contabili e amministrative relative alla corretta tenuta delle registrazioni obbligatorie per legge, ovvero all’adempimento di disposizioni delle Autorità pubbliche e degli organismi di vigilanza preposti agli accertamenti. Il Titolare del trattamento e il Responsabile della protezione dei dati personali Titolare del trattamento dei Vostri dati è l’Università Niccolò Cusano – Telematica Roma, con sede in Roma, Via Don Carlo Gnocchi, 3, con Email: privacy@unicusano.it; tramite il https://www.unicusano.it/ è conoscibile l’elenco completo ed aggiornato dei responsabili del trattamento o destinatari. Si informa a tal riguardo che la nostra Università ha provveduto a nominare il proprio Responsabile della protezione dei dati personali (c.d. RPD) l’avvocato Daniela Sasanelli ad ulteriore garanzia dei diritti dell’interessato e come unico punto di contatto con l’Autorità di Controllo, il nostro RPD potrà essere contattato alla seguente email: privacy@unicusano.it Per lo svolgimento di parte delle nostre attività ci rivolgiamo anche a soggetti terzi per l’effettuazione di elaborazioni di dati necessarie per l’esecuzione di particolari compiti e di contratti. I Vostri dati personali potranno, pertanto, essere da noi comunicati a destinatari esterni alla nostra struttura, fermo restando che nessuna diffusione è prevista di tali dati personali a soggetti indeterminati. Tali soggetti verranno nominati responsabile del trattamento. Conferimento dei dati personali e periodo di conservazione degli stessi Il conferimento da parte Vostra dei dati personali, fatta eccezione per quelli previsti da specifiche norme di legge o regolamento, rimane facoltativo. Tuttavia, tali dati personali essendo necessari, oltre che per finalità di legge e/o regolamento, per instaurare il rapporto di iscrizione ai corsi di studio laurea, post laurea e perfezionamento e/o inerente le attività da noi gestite e/o per l’instaurazione del rapporto previdenziale, contrattuale o assicurativo; al fine di dare esecuzione alle relative obbligazioni, il rifiuto di fornirli alla nostra Università potrebbe determinare l’impossibilità di instaurare o dare esecuzione al suddetto rapporto. I vostri dati possono essere conservati oltre il periodo strettamente indispensabile previsto dagli obblighi di legge e comunque al solo fine di fornire ulteriori garanzie a nostri studenti. Diritti dell’interessato, limitazione del trattamento, diritto alla portabilità e diritto di proporre azione innanzi al Garante privacy (c. d reclamo previsto dal regolamento europeo 2016/679/UE) Ai sensi del regolamento europeo sopra citato, Voi avete diritto di essere informati sul nome, la denominazione o la ragione sociale ed il domicilio, la residenza o la sede del titolare e del responsabile del trattamento, e circa le finalità e le modalità dello stesso, nonché di ottenere senza ritardo, a cura del titolare: a) la conferma dell’esistenza o meno di dati personali che Vi riguardano, anche se non ancora registrati, e la comunicazione in forma intelligibile dei medesimi dati e della loro origine, nonché della logica e delle finalità su cui si basa il trattamento: detta richiesta può essere rinnovata, salva l’esigenza per giustificati motivi; b) la cancellazione, la trasformazione in forma anonima o il blocco dei dati eventualmente trattati in violazione di legge, compresi quelli di cui non è necessaria la conservazione in relazione agli scopi per i quali i dati sono stati raccolti o successivamente trattati; c) l’aggiornamento, la rettificazione, ovvero, qualora Vi abbiate interesse, l’integrazione dei dati; d) l’attestazione che le operazioni di cui ai punti b) e c) sono state portate a conoscenza, anche per quanto riguarda il loro contenuto, di coloro ai quali i dati sono stati comunicati o diffusi, eccettuato il caso in cui tale adempimento si riveli impossibile o comporti un impiego di mezzi manifestamente sproporzionato rispetto al diritto tutelato. Oltre ai diritti sopra elencati in qualità di interessati, nei limiti di quanto previsto dal nuovo regolamento europeo, potrete esercitare i diritti di limitazione del trattamento, di opposizione allo stesso ed il diritto alla portabilità esclusivamente per i dati personali da Voi forniti al titolare secondo l’art. 20 del regolamento citato. La informiamo inoltre che il base al Codice della Privacy e al nuovo regolamento europeo potrete proporre azioni a tutela dei Vostri diritti innanzi al Garante per la protezione dei dati personali, c.d. reclamo previsto dal all’art. 77 del predetto regolamento. Si informa infine che nei limiti nei quali sarà ritenuto applicabile al trattamento dei dati che Vi riguardano potrete esercitare un diritto di revoca del consenso al trattamento dei dati comunicando tale revoca al titolare del trattamento.

I dati personali da Lei inseriti saranno comunicati dall'Università ai propri uffici per iniziative formative mediante l'invio di informative promozionali