informazioni@unicusano.it

800 98 73 73

Studiare diritto ecclesiastico: quello che c’è da sapere

Commenti disabilitati su Studiare diritto ecclesiastico: quello che c’è da sapere Studiare a Sassari

Il diritto ecclesiastico è una materia particolare. O la ami o la odi. Ma se ti approcci allo studio con buone intenzioni potrai sicuramente ricavarne soddisfazione. Imparerai moltissime cose su come lo stato ha gestito le relazioni con la Chiesa e le religioni. In ogni Stato sono in vigore leggi diverse, e nel corso delle storia sono molte cose sono cambiate. Ti aiutiamo ad avere una panoramica della materia per il tuo prossimo esame in giurisprudenza.

Diritto ecclesiastico: le origini

gerarchia fonti diritto ecclesiasticoTutti gli studenti di legge prima o poi incontrano l’esame di diritto ecclesiastico. Un esame difficile? Non per forza. Con il giusto spirito potrai apprendere molte cose che non sai e ottenere un buon voto per alzare la tua media. Il diritto ecclesiastico è un complesso di leggi che regola il rapporto tra stato e religione. Le sue radici affondando in epoca molto lontana, e addirittura esiste una data precisa: il 313. In quell’anno l’imperatore Costantino emanò l’editto di Milano riconoscendo un nucleo primordiale di quella che oggi conosciamo come libertà di religione.

Ai quei tempi i cristiani non si erano ancora integrati perché il loro credo non era consentito. Da quel momento in poi diviene cosa lecita.

Ma qui dobbiamo subito fare un appunto per non creare confusione. Non tutti sono concordi a far coincidere il diritto ecclesiastico con la storia del Cristianesimo. Lo stato di diritto come noi lo conosciamo è un avvenimento recente, solo dopo lo Statuto del Regno di Piemonte (1848) e l’Unità d’Italia (1861) si può parlare di diritto vero e proprio in ambito religioso, con la conseguente separazione tra le autorità di tipo civile e quelle di tipo religioso.

E successivamente a questa formalizzazione molte cose sono cambiate nel corso dei decenni. In Italia sono succedute diverse forme di Stato e di conseguenza una diversa disciplina dei rapporti Stato-Chiesa, come:

  • Separatismo liberale
  • Stato-Chiesa nella dittatura fascista
  • Progetto costituzionale dal 1948

Il modo in cui vengono gestite le relazioni si basa su quest’ultimo approccio, il più recente. Non sono modalità innovative, perché restano vincolate a un tempo che ormai non è più qui.

Le fonti normative del diritto ecclesiastico

Una disamina approfondita di come ogni singola religione sia stata gestita dallo Stato nei vari paesi è pressoché impossibile nello spazio di questo articolo. In questo paragrafo vogliamo almeno soffermarci sulle fonti, che sono di fondamentale importanza per inquadrare gli appunti di diritto ecclesiastico in un quadro più giuridico e meno storico.

Abbiamo detto le fonti, non la fonte. Non esiste un solo corpo dove sono racchiuse le leggi e le norme che regolano l’ordinamento in materia religiosa. Sono diverse, legate ai settori in cui si articola il rapporto, ad esempio:

  • Codice civile
  • Leggi amministrative e finanziarie
  • Costituzione
  • Diritto del lavoro
  • Diritto commerciale

Attenzione. Non stiamo parlando di diritto canonico. Con questo termine si intendono le norme erogate dalla Chiesa Cattolica e gli altri ordinamenti confessionali, tutte le leggi che sono necessarie per regolamentare il clero e dei rapporti umani tra i membri.

Le leggi di ordine ecclesiastico in Italia

Come abbiamo visto le fonti sono importanti. Si distinguono due tipi di fonti:

  • Fonti unilaterali
  • Fonti bilaterali

Le prime si occupano dei diritti inalienabili della persona e della sua possibilità di praticare l’aspetto religioso sia individualmente che in gruppo. Rientrano tutte le leggi che garantiscono  uguaglianza e libertà. Esse non tutelano solo i singoli ma anche le organizzazioni religiose che posseggono diritti di libertà innati proprio come di individui, proprio in funzione del fatto che se fosse diversamente non verrebbe tutelato neanche il diritto alla religiosità individuale.

La prima fonte che si occupa di garantire tali diritti è la Costituzione nell’articolo 19 e 20 e relativi sottosistemi. L’articolo 19 sancisce il diritto di professione di fede religiosa e il 20 pone limitazioni alle autorità che ipoteticamente potrebbero ledere la libertà delle formazioni sociali e religiose.

Se studi diritto per te la Costituzione è pane quotidiano. Bene, lì si trova la principale fonte unilaterale del diritto ecclesiastico.

Altre fonti sono relative al diritto internazionale, che già dal dopoguerra ha accolto la necessità di produrre documenti e regola a garanzia della tutela individuale e collettiva di stampo religioso. Così troviamo come fonte anche la Dichiarazione universale dei diritti dell’uomo come primo grande contributo, fino a giungere al Trattato di Lisbona.

Le norme di fonti bilaterali provengono da accordi con la Chiesa e altre confessioni. Un esempio sono i Patti Lateranensi, che sono da inserire all’interno del diritto internazionale, insieme al Nuovo Concordato del 1984. La rilevanza che assumono non è di tipo interno e pertanto non è da intendere come un vincolo per i soggetti dell’ordinamento.

Il diritto italiano per assimilare queste disposizioni ha dovuto produrre altri atti normativi che pur essendo emanati dallo stato risultano come mantenimento di un impegno preso con un altro ordinamento in questo caso la Chiesa. Anche per le altre religioni funziona nello stesso modo, lo stato prende accordi bilaterali Governo-religione, ma in qualsiasi caso godono di copertura costituzionale perché non possono essere modificate con leggi ordinarie.

I rapporti tra Stato e religione in Italia

patti lateranensiNel nostro paese la questione religiosa è gestita tramite accordi e permessi, garantiti soltanto nel caso in cui la religione sia conforme al diritto italiano. Una religione può essere:

  • Riconosciuta
  • Non riconosciuta

La prima gode di alcuni privilegi di natura amministrativa e fiscale. Il riconoscimento avviene tramite un atto dell’autorità amministrativa su richiesta della religione. Se il culto risulta idoneo e con uno statuto che non va contro la legge italiana e il buonsenso è quasi certo che verrà riconosciuta. Una volta ottenuto questo status può essere avviata una procedura di intesa con il Governo. Viene stipulato un patto tra i rappresentati dello Stato e della confessione e dopo averlo siglato approda in Parlamento.

La chiesa Cattolica è un discorso a parte. Per essa è stato instaurato un preciso accordo con lo Stato nel 1929: i Patti Lateranensi, a cui è stato rimesso mano solo nel 1984. Non è un intesa, ma un trattato internazionale tra due stati che si riconoscono qualitativamente uguali.

Il governo della Chiesa è la Santa Sede che ha una duplica natura:

  • Soggetto di diritto internazionale
  • Soggetto di diritto privato

Può relazionarsi con gli altri stati oppure agire attraverso relazioni con enti privati. La Santa Sede attualmente ha delegato la gestione di tali questioni alla CEI, ente riconosciuto.

Quanti altre confessioni hanno visto riconosciuta la loro personalità giuridica? Sono diverse, ma segnaliamo le più importanti:

  • Confessione israelita
  • Confessione valdese
  • Luterani
  • Istituto italiano buddhista Soka Gakkai
  • Avventisti
  • Mormoni

In ogni caso quello che ci teniamo a ribadire è il fatto che qualsiasi religione non può comunque andare contro i principi supremi della Costituzione Italiana, la quale custodisce un contenuto di profondo valore per garantire a libertà e il diritto a credere di tutti. Anche i concordati e gli accordi, che devono essere conformi a questa fonte del diritto.

Studiare diritto ecclesiastico è un bel viaggio nella storia e nella cultura delle religioni e del modo di relazionarsi con esse che hanno messo in campo i diversi Stati. Forse non sarà il tuo esame di giurisprudenza preferito, ma potrai avere maggiori argomenti di discussione se qualcuno dovesse intavolare una discussione sul rapporto tra Stato e Chiesa, sempre controverso.

Informativa ai dell’art. 13 del Regolamento (UE) n. 679/2016 c.d. GDPR

Vi informiamo, ai sensi dell’art.13 del Regolamento UE 2016/679 (c.d. Regolamento Generale per la protezione dei dati personali – c.d. GDPR) e del decreto Legislativo 30 giugno 2003, n. 196 “Codice in materia di protezione dei dati personali”, che i Vostri dati personali raccolti presso di noi, ovvero altrimenti da noi acquisiti, anche in futuro, saranno oggetto di trattamento da parte nostra in qualità di “Titolare”, anche con l’ausilio di mezzi elettronici e/o automatizzati e sempre nel pieno rispetto della normativa applicabile, per le seguenti finalità del trattamento: attività istituzionali dell'Università, la stessa potrà raccogliere i suoi dati personali, inseriti durante la compilazione dei Form predisposti online e cartacei, potrà pertanto successivamente trattare i suoi dati ai fini dell’instaurazione del rapporto di iscrizione ai corsi di laurea e post laurea, compresa l’attività di orientamento degli studenti per la scelta del percorso universitario; attività di informative promozionali telematiche dei corsi universitari e post-universitari, corsi di specializzazione e simili; attività contabili e amministrative relative alla corretta tenuta delle registrazioni obbligatorie per legge, ovvero all’adempimento di disposizioni delle Autorità pubbliche e degli organismi di vigilanza preposti agli accertamenti. Il Titolare del trattamento e il Responsabile della protezione dei dati personali Titolare del trattamento dei Vostri dati è l’Università Niccolò Cusano – Telematica Roma, con sede in Roma, Via Don Carlo Gnocchi, 3, con Email: privacy@unicusano.it; tramite il https://www.unicusano.it/ è conoscibile l’elenco completo ed aggiornato dei responsabili del trattamento o destinatari. Si informa a tal riguardo che la nostra Università ha provveduto a nominare il proprio Responsabile della protezione dei dati personali (c.d. RPD) l’avvocato Daniela Sasanelli ad ulteriore garanzia dei diritti dell’interessato e come unico punto di contatto con l’Autorità di Controllo, il nostro RPD potrà essere contattato alla seguente email: privacy@unicusano.it Per lo svolgimento di parte delle nostre attività ci rivolgiamo anche a soggetti terzi per l’effettuazione di elaborazioni di dati necessarie per l’esecuzione di particolari compiti e di contratti. I Vostri dati personali potranno, pertanto, essere da noi comunicati a destinatari esterni alla nostra struttura, fermo restando che nessuna diffusione è prevista di tali dati personali a soggetti indeterminati. Tali soggetti verranno nominati responsabile del trattamento. Conferimento dei dati personali e periodo di conservazione degli stessi Il conferimento da parte Vostra dei dati personali, fatta eccezione per quelli previsti da specifiche norme di legge o regolamento, rimane facoltativo. Tuttavia, tali dati personali essendo necessari, oltre che per finalità di legge e/o regolamento, per instaurare il rapporto di iscrizione ai corsi di studio laurea, post laurea e perfezionamento e/o inerente le attività da noi gestite e/o per l’instaurazione del rapporto previdenziale, contrattuale o assicurativo; al fine di dare esecuzione alle relative obbligazioni, il rifiuto di fornirli alla nostra Università potrebbe determinare l’impossibilità di instaurare o dare esecuzione al suddetto rapporto. I vostri dati possono essere conservati oltre il periodo strettamente indispensabile previsto dagli obblighi di legge e comunque al solo fine di fornire ulteriori garanzie a nostri studenti. Diritti dell’interessato, limitazione del trattamento, diritto alla portabilità e diritto di proporre azione innanzi al Garante privacy (c. d reclamo previsto dal regolamento europeo 2016/679/UE) Ai sensi del regolamento europeo sopra citato, Voi avete diritto di essere informati sul nome, la denominazione o la ragione sociale ed il domicilio, la residenza o la sede del titolare e del responsabile del trattamento, e circa le finalità e le modalità dello stesso, nonché di ottenere senza ritardo, a cura del titolare: a) la conferma dell’esistenza o meno di dati personali che Vi riguardano, anche se non ancora registrati, e la comunicazione in forma intelligibile dei medesimi dati e della loro origine, nonché della logica e delle finalità su cui si basa il trattamento: detta richiesta può essere rinnovata, salva l’esigenza per giustificati motivi; b) la cancellazione, la trasformazione in forma anonima o il blocco dei dati eventualmente trattati in violazione di legge, compresi quelli di cui non è necessaria la conservazione in relazione agli scopi per i quali i dati sono stati raccolti o successivamente trattati; c) l’aggiornamento, la rettificazione, ovvero, qualora Vi abbiate interesse, l’integrazione dei dati; d) l’attestazione che le operazioni di cui ai punti b) e c) sono state portate a conoscenza, anche per quanto riguarda il loro contenuto, di coloro ai quali i dati sono stati comunicati o diffusi, eccettuato il caso in cui tale adempimento si riveli impossibile o comporti un impiego di mezzi manifestamente sproporzionato rispetto al diritto tutelato. Oltre ai diritti sopra elencati in qualità di interessati, nei limiti di quanto previsto dal nuovo regolamento europeo, potrete esercitare i diritti di limitazione del trattamento, di opposizione allo stesso ed il diritto alla portabilità esclusivamente per i dati personali da Voi forniti al titolare secondo l’art. 20 del regolamento citato. La informiamo inoltre che il base al Codice della Privacy e al nuovo regolamento europeo potrete proporre azioni a tutela dei Vostri diritti innanzi al Garante per la protezione dei dati personali, c.d. reclamo previsto dal all’art. 77 del predetto regolamento. Si informa infine che nei limiti nei quali sarà ritenuto applicabile al trattamento dei dati che Vi riguardano potrete esercitare un diritto di revoca del consenso al trattamento dei dati comunicando tale revoca al titolare del trattamento.

I dati personali da Lei inseriti saranno comunicati dall'Università ai propri uffici per iniziative formative mediante l'invio di informative promozionali