informazioni@unicusano.it

800 98 73 73

Come superare l’esame di procedura penale?

Commenti disabilitati su Come superare l’esame di procedura penale? Studiare a Sassari

Tutti gli studenti di Giurisprudenza prima o poi arrivano a chiedersi: come superare l’esame di procedura penale? Come sopravvivere indenni a uno di quelli che viene definito il peggior incubo nel percorso di formazione in ambito giuridico? Sappi che, davvero, sono tutti sopravvissuti, continuano ad essere vivi e vegeti e lottano insieme a noi. Vediamo come hanno fatto a lasciarsi alle spalle quello che poteva essere ricordato come un momentaccio e che invece rimane impresso nelle loro menti come una delle imprese più avventurose del percorso universitario in giurisprudenza.

Procedura penale: seguire le lezioni

come studiare procedura penaleNon avrai scampo, che tu abbia deciso di diventare consulente legale, avvocato, notaio o di raggiungere una qualsiasi altra posizione nell’ambito giuridico, comunque dovrai affrontare un esame di procedura penale. Un esame che fa tremare molte ginocchia. Materia tecnica, complessa, intricata, stratificata. La prima regola da rispettare se vuoi facilitarti l’approccio con la disciplina è frequentare le lezioni assiduamente.

La frequenza delle lezioni facilita di molto l’apprendimento della materia. Gli studenti e le studentesse del corso di laurea in Giurisprudenza a Sassari presso l’Università Cusano sono avvantaggiati dall’aver accesso diretto alle lezioni tramite una piattaforma accessibile attraverso un pc con collegamento alla rete internet. La frequenza on line agevola ulteriormente la partecipazione alle lezioni, ha minor impatto stressante rispetto alla frequenza di un’università tradizionale con orari rigidi e spostamenti.

Studiare procedura penale: lettura dei manuali

Grazie a questa metodologia didattica è più semplice seguire senza perdere le lezioni. Se non avete comunque l’opportunità di frequentare forse è il caso che vi prepariate a sapere con chi avere a che fare. Le procedure, non solo quella penale ma anche quella civile, vengono definite materie dinamiche e non statiche. Questa definizione trova la sua ragion d’essere nel fatto che il procedimento penale è costituito da una lunga sequenza di atti, ognuno dei quali fa parte di un passaggio interconnesso agli altri. Non è sufficiente studiare le singole nozioni estrapolate dal contesto, ma vanno studiate all’interno di un tutto interrelato.

Lo studio può essere organizzato partendo dalla lettura preliminare di tutto il manuale. La panoramica completa, seppur apparentemente impegnativa, offre una prima conoscenza della materia, ma soprattutto di come viene organizzata, di qual è la struttura essenziale del procedimento penale. Queste prime impressioni fanno da bussola, orientano lo studente che sarà più capace di affrontare dei passaggi essenziali del procedimento penale senza sentirsi completamente spaesato e frastornato. Una volta fissati in mente struttura e passaggi essenziali è già più fattibile soffermarsi sulle diverse scansioni.

Con questa modalità di procedimento graduale la disciplina si svelerà piano piano e non sembrerà nebulosa e incomprensibile. Sarà una prima base conoscitiva di sicura efficacia, soprattutto per coloro che stanno al primo anno, a cui comunque suggeriamo di affrontare con molta calma e sufficiente tempo a disposizione la preparazione di questo esame, perché anche se si tratta di uno dei più impegnativi e anche di uno dei più importanti a livello di rilevanza ai fini professionali.

Codice di procedura penale

Il Codice non è l’unico strumento conoscitivo ed esplicativo del procedimento penale. Per questo motivo si insiste dicendo che non è efficace lo studio a memoria. Perché l’assimilazione per inerzia di parole a cui non si riesce a dare un significato ci rende più simili a pappagalli che a studenti di giurisprudenza.

Per comprendere davvero il significato delle norme, la loro origine e la natura, la loro relazione reciproca si deve avere una visione approfondita e data dalla conoscenza critica e non mnemonica. Un istituto può essere correlato ad un altro che compare in tutt’altra parte del codice. Le lezioni sono fondamentali per questo motivo, come anche lo studio attento e disciplinato del manuale che funge da guida per la lettura critica del codice. Anche la scelta del codice stesso dev’essere ragionata, è consigliabile dotarsi di una versione aggiornata, che va sempre tenuto a disposizione anche quando si studia sul manuale, perché la capacità di ricordare visivamente la collocazione delle norme funge da prima pratica di orientamento, e in qualche modo aiuta a destreggiarsi nella materia, tra i vari libri in cui il codice si articola.

Ricordiamo, infine, che procedura penale viene anche definita come “diritto costituzionale applicato” per la centralità che assumono le norme della Costituzione all’interno del testo. I principi costituzionali sono la base del diritto italiano e pertanto non possono non essere coinvolti anche in questo aspetto disciplinare. Se i testi su cui studi fanno riferimento ai principi costituzionali non saltare la parte a piè pari pensando che non sia inerente, anzi, dedicagli attenzione, soffermati, e attingi con interesse alla fonte del diritto italiano, ti aiuterà a rinsaldare maggiormente una conoscenza necessaria.

Quando preparare l’esame di procedura penale

La facoltà di Giurisprudenza ha la sua organizzazione del piano di studi, graduale, finalizzata a farti entrare in punta di piedi all’interno di un mondo complesso, in cui difficilmente puoi andare avanti senza i giusti strumenti concettuali. Procedura penale non è di certo uno dei primi esami di Giurisprudenza, anzi, è un esame che per essere affrontato ha bisogno di una base formativa di appoggio.

Filosofia del diritto, diritto costituzionale e poi, soltanto in un secondo momento, si affrontano le due procedure, e le altre declinazioni più specifiche del diritto, come diritto amministrativo, diritto commerciale a altro. Il nostro suggerimento è quello di non tergiversare troppo con l’esame di procedura penale.

Se da una parte abbiamo sottolineato quanto sia fondamentale possedere un bagaglio di conoscenze pregresse, d’altra parte ci sentiamo di consigliarti assolutamente di non rimandarlo a più riprese per poi ritrovartelo in mezzo ai piedi quando sei stanco, svogliato, demotivato. Chiedi aiuto al tuo tutor per decidere quale sia il momento migliore in cui dare l’esame di procedura penale.

Diffidate da pseudoamici e colleghi che sostengono di aver fatto l’esame di penale in dieci giorni, in due giorni, in mezza giornata, vogliono prendersi gioco della tua buona fede ma è palese che stanno spudoratamente mentendo. Spendere anche mesi per preparare un esame non è né un dramma né una vergogna, è sintomo di cura e dedizione di un approccio allo studio lontana dalla ormai consolidata modalità usa e getta con cui si affrontano i percorsi universitari.

Generalmente chi studia in così poco tempo a brevissima distanza dall’esame non ricorda più nulla di quanto ha imparato. Di conseguenza, ci avrà pure impiegato 48 ore, ma le ha buttate al vento. Le tue settimane di studio matto e disperatissimo invece sono il miglior investimento che tu possa fare per la tua carriera universitaria e professionale.

Diritto penale o diritto civile

esame di procedura penaleÈ una domanda ricorrente, ma dobbiamo ammettere che si tratta di una domanda che non ci piace per niente. Non ci piace perché non possiamo dare la risposta definitiva che ti stai aspettando. Non ci piace perché il diritto penale viene sempre dipinto come la cosa peggiore che si possa incontrare durante il corso di laurea in giurisprudenza, e magari ti ci avvicini tutto svogliato e pieno di pregiudizi per poi scoprire che ti piace un sacco, che è una materia avvincente e proprio quella che ti ha catturato di più l’attenzione. Non si può mai sapere.

D’altronde i civilisti devono conoscere molte branche del diritto: commerciale, diritto del lavoro, matrimoni, divorzi, contratti, e chi più ne ha più ne metta. Se ad alcuni questa varietà entusiasma ad altri irrita terribilmente. Prima di stare a sentire cento campane valuta tu stesso quale siano le cose ce fanno al caso tuo e quali quelle che invece non si adattano ai tuoi interessi.

Credtis foto in evidenza: Depositphotos.com – feedough

Credtis foto 1: Depositphotos.com – freedomtumz

Credtis foto 2: Depositphotos.com – zolnierek

Informativa ai dell’art. 13 del Regolamento (UE) n. 679/2016 c.d. GDPR

Vi informiamo, ai sensi dell’art.13 del Regolamento UE 2016/679 (c.d. Regolamento Generale per la protezione dei dati personali – c.d. GDPR) e del decreto Legislativo 30 giugno 2003, n. 196 “Codice in materia di protezione dei dati personali”, che i Vostri dati personali raccolti presso di noi, ovvero altrimenti da noi acquisiti, anche in futuro, saranno oggetto di trattamento da parte nostra in qualità di “Titolare”, anche con l’ausilio di mezzi elettronici e/o automatizzati e sempre nel pieno rispetto della normativa applicabile, per le seguenti finalità del trattamento: attività istituzionali dell'Università, la stessa potrà raccogliere i suoi dati personali, inseriti durante la compilazione dei Form predisposti online e cartacei, potrà pertanto successivamente trattare i suoi dati ai fini dell’instaurazione del rapporto di iscrizione ai corsi di laurea e post laurea, compresa l’attività di orientamento degli studenti per la scelta del percorso universitario; attività di informative promozionali telematiche dei corsi universitari e post-universitari, corsi di specializzazione e simili; attività contabili e amministrative relative alla corretta tenuta delle registrazioni obbligatorie per legge, ovvero all’adempimento di disposizioni delle Autorità pubbliche e degli organismi di vigilanza preposti agli accertamenti. Il Titolare del trattamento e il Responsabile della protezione dei dati personali Titolare del trattamento dei Vostri dati è l’Università Niccolò Cusano – Telematica Roma, con sede in Roma, Via Don Carlo Gnocchi, 3, con Email: privacy@unicusano.it; tramite il https://www.unicusano.it/ è conoscibile l’elenco completo ed aggiornato dei responsabili del trattamento o destinatari. Si informa a tal riguardo che la nostra Università ha provveduto a nominare il proprio Responsabile della protezione dei dati personali (c.d. RPD) l’avvocato Daniela Sasanelli ad ulteriore garanzia dei diritti dell’interessato e come unico punto di contatto con l’Autorità di Controllo, il nostro RPD potrà essere contattato alla seguente email: privacy@unicusano.it Per lo svolgimento di parte delle nostre attività ci rivolgiamo anche a soggetti terzi per l’effettuazione di elaborazioni di dati necessarie per l’esecuzione di particolari compiti e di contratti. I Vostri dati personali potranno, pertanto, essere da noi comunicati a destinatari esterni alla nostra struttura, fermo restando che nessuna diffusione è prevista di tali dati personali a soggetti indeterminati. Tali soggetti verranno nominati responsabile del trattamento. Conferimento dei dati personali e periodo di conservazione degli stessi Il conferimento da parte Vostra dei dati personali, fatta eccezione per quelli previsti da specifiche norme di legge o regolamento, rimane facoltativo. Tuttavia, tali dati personali essendo necessari, oltre che per finalità di legge e/o regolamento, per instaurare il rapporto di iscrizione ai corsi di studio laurea, post laurea e perfezionamento e/o inerente le attività da noi gestite e/o per l’instaurazione del rapporto previdenziale, contrattuale o assicurativo; al fine di dare esecuzione alle relative obbligazioni, il rifiuto di fornirli alla nostra Università potrebbe determinare l’impossibilità di instaurare o dare esecuzione al suddetto rapporto. I vostri dati possono essere conservati oltre il periodo strettamente indispensabile previsto dagli obblighi di legge e comunque al solo fine di fornire ulteriori garanzie a nostri studenti. Diritti dell’interessato, limitazione del trattamento, diritto alla portabilità e diritto di proporre azione innanzi al Garante privacy (c. d reclamo previsto dal regolamento europeo 2016/679/UE) Ai sensi del regolamento europeo sopra citato, Voi avete diritto di essere informati sul nome, la denominazione o la ragione sociale ed il domicilio, la residenza o la sede del titolare e del responsabile del trattamento, e circa le finalità e le modalità dello stesso, nonché di ottenere senza ritardo, a cura del titolare: a) la conferma dell’esistenza o meno di dati personali che Vi riguardano, anche se non ancora registrati, e la comunicazione in forma intelligibile dei medesimi dati e della loro origine, nonché della logica e delle finalità su cui si basa il trattamento: detta richiesta può essere rinnovata, salva l’esigenza per giustificati motivi; b) la cancellazione, la trasformazione in forma anonima o il blocco dei dati eventualmente trattati in violazione di legge, compresi quelli di cui non è necessaria la conservazione in relazione agli scopi per i quali i dati sono stati raccolti o successivamente trattati; c) l’aggiornamento, la rettificazione, ovvero, qualora Vi abbiate interesse, l’integrazione dei dati; d) l’attestazione che le operazioni di cui ai punti b) e c) sono state portate a conoscenza, anche per quanto riguarda il loro contenuto, di coloro ai quali i dati sono stati comunicati o diffusi, eccettuato il caso in cui tale adempimento si riveli impossibile o comporti un impiego di mezzi manifestamente sproporzionato rispetto al diritto tutelato. Oltre ai diritti sopra elencati in qualità di interessati, nei limiti di quanto previsto dal nuovo regolamento europeo, potrete esercitare i diritti di limitazione del trattamento, di opposizione allo stesso ed il diritto alla portabilità esclusivamente per i dati personali da Voi forniti al titolare secondo l’art. 20 del regolamento citato. La informiamo inoltre che il base al Codice della Privacy e al nuovo regolamento europeo potrete proporre azioni a tutela dei Vostri diritti innanzi al Garante per la protezione dei dati personali, c.d. reclamo previsto dal all’art. 77 del predetto regolamento. Si informa infine che nei limiti nei quali sarà ritenuto applicabile al trattamento dei dati che Vi riguardano potrete esercitare un diritto di revoca del consenso al trattamento dei dati comunicando tale revoca al titolare del trattamento.

I dati personali da Lei inseriti saranno comunicati dall'Università ai propri uffici per iniziative formative mediante l'invio di informative promozionali