informazioni@unicusano.it

800 98 73 73

Scaletta per fare un tema: ecco come prepararla

Commenti disabilitati su Scaletta per fare un tema: ecco come prepararla Studiare a Sassari

Scrivere una scaletta per fare un tema ti aiuta a mettere in ordine le idee per mettere nero su bianco il tuo pensiero. Lo svolgimento di un elaborato scritto segue uno schema ben preciso, che risponde alla facilità di lettura e alla chiarezza dell’esposizione, due caratteristiche fondamentali per una trattazione vincente. In questo articolo trovi le nozioni fondamentali per organizzare e scrivere al meglio il tuo tema.

Un tema perfetto esiste: le basi per scriverlo

scrivere traccia tema descrittivoLa scuola e l’Università nascono per formare le giovani (e meno giovani) menti. Organizzare un elaborato scritto è di vitale importanza. La “fabbrica del sapere” abbraccia tutta la conoscenza, ma indubbiamente una parte essenziale di questa è la scrittura, in tutti i campi. Puoi scegliere di studiare psicologia, ingegneria o informatica, ma prima o poi ti ritroverai a scrivere. Tutti sappiamo più o meno come si scrive un tema, ma non lo sappiamo con esattezza, ci siamo affidati spesso all’ispirazione e a indicazioni generiche. Invece gli esperti scrittori e conoscitori delle lettere suggeriscono di procedere seguendo una traccia.

Il primo scoglio da affrontare risponde alla domanda: che cosa voglio scrivere? A volte di fronte alla pagina vuota ti prende il panico? Non sempre ti sovviene un’idea brillante? Ecco come procedere per farsi venire delle idee:

  • Brainstorming: buttare idee sul foglio (5 minuti)
  • Isolare le idee pertinenti (5 minuti)
  • Scrivere concetti importanti in un ordine logico (5 minuti)

Come hai visto questa prima fase si conclude in soli quindici minuti. Un tempo più che sufficiente per creare la scaletta del tuo tema ed iniziare ad esporre i concetti base tramite frasi esplicative e sintetiche.

La stesura del componimento

L’obiettivo finale è quello di scrivere un bel tema, che sappia catturare l’attenzione dell’insegnante per farti portare a casa un buon voto o addirittura un dieci e lode. Facciamo un esempio su come scrivere un tema argomentativo, uno dei compiti scritti più diffusi in ambito scolastico.

Possiamo definire la scaletta per fare un tema come una sintesi del tuo pensiero. Un metodo organizzativo simile alla tabella di marcia per lo studio. Uno di quei tips organizzativi che ti salvano la vita. Per ottenere un flusso di scrittura logico e scorrevole va suddiviso in questo modo:

  • Introduzione
  • Trattazione (tesi/antitesi)
  • Conclusione

L’introduzione è la partenza, lo spazio in cui ti giochi la capacità di imbrigliare il lettore (in questo caso il prof). Non dilungarti, piuttosto cerca di circoscrivere in circa quindici righe la presentazione del tema che stai per trattare.

Nella seconda fase, lo svolgimento vero e proprio, si esprime la “tesi” di fondo. Qui non bisogna lasciarsi andare a grandi dissertazioni, è fondamentale attenersi a ciò che viene richiesto nel titolo, fornendo la propria opinione o anche un’analisi critica, ma senza esagerare.

La fine del tema è lo specchio dell’inizio, entrambe le parti devono essere brillanti. In particolare la conclusione serve per chiudere, anche con frasi ad effetto, fornendo un’idea generale su quello che è stato detto fino a quel punto.

Attenzione, perché nello schema tema argomentativo è prevista la confutazione dell’antitesi, ossia avvalorare la propria argomentazione confutando le tesi contrarie.

La revisione rende un tema impeccabile

La traccia di un tema descrittivo non è tanto diversa da quella del tema argomentativo. Un sommario per il componimento è fondamentale a prescindere dalla tipologia di elaborato, che può essere di vari tipi. Ecco quali sono i principali:

  • Tema personale
  • Tema letterario
  • Tema di attualità

Qualsiasi sia il genere di tema da scrivere una regola non cambia mai: la revisione. Prenditi sempre un po’ di tempo per rileggere con attenzione. Non una manciata di minuti, ma anche una mezz’ora abbondante. In generale noi suggeriamo di procedere in questo modo:

  • Prima lettura per la valutazione generale della composizione
  • Seconda lettura per la correzione degli errori ortografici

Un passaggio ulteriore è quello della riscrittura in bella copia. Qui è fondamentale tenere alto il livello di concentrazione per non rendere vano lo sforzo fatto finora. Basterebbe trascrivere male una parola per commettere un errore e rovinare tutto.

Principali errori nella scrittura di un tema

Non è necessario essere i pronipoti immaginari di Dante per scrivere in maniera eccellente. Alla base di una formula di scrittura eccellente ci sono originalità e precisione. Purtroppo l’avvento massiccio della comunicazione virtuale ha modificato anche i testi scritti, che risultano “contratti”, formulati sulla base del parlato, sempre più sintetici, e a volte addirittura pieni di errori. Ma c’è ancora speranza. In questo articolo ti abbiamo fornito qualche consiglio su come costruire efficacemente la scaletta per un tema, ma ci sentiamo di evidenziare anche quali sono gli errori che ricorrono più comunemente:

  • Punteggiatura scorretta
  • Parole e inflessioni dialettali
  • Abbreviazioni errate (mutuate dalla scrittura da chat!)
  • Eccesso di esempi
  • Frasi troppo lunghe
  • Ripetizioni

Qui non sono elencati tutti gli errori che si possono commettere, ma solo alcuni. Stai attento già in fase di prima elaborazione, per evitare troppo tempo durante la correzione finale. Dai il meglio di te, focalizzati sulla forza del tuo pensiero e sulla tua formazione, esponi con un ordine logico e un buon ritmo, il tuo prof sarà felice di leggerti e di conoscerti ancora meglio attraverso la scrittura. Impugna la penna e buon lavoro.

 

Informativa ai dell’art. 13 del Regolamento (UE) n. 679/2016 c.d. GDPR

Vi informiamo, ai sensi dell’art.13 del Regolamento UE 2016/679 (c.d. Regolamento Generale per la protezione dei dati personali – c.d. GDPR) e del decreto Legislativo 30 giugno 2003, n. 196 “Codice in materia di protezione dei dati personali”, che i Vostri dati personali raccolti presso di noi, ovvero altrimenti da noi acquisiti, anche in futuro, saranno oggetto di trattamento da parte nostra in qualità di “Titolare”, anche con l’ausilio di mezzi elettronici e/o automatizzati e sempre nel pieno rispetto della normativa applicabile, per le seguenti finalità del trattamento: attività istituzionali dell'Università, la stessa potrà raccogliere i suoi dati personali, inseriti durante la compilazione dei Form predisposti online e cartacei, potrà pertanto successivamente trattare i suoi dati ai fini dell’instaurazione del rapporto di iscrizione ai corsi di laurea e post laurea, compresa l’attività di orientamento degli studenti per la scelta del percorso universitario; attività di informative promozionali telematiche dei corsi universitari e post-universitari, corsi di specializzazione e simili; attività contabili e amministrative relative alla corretta tenuta delle registrazioni obbligatorie per legge, ovvero all’adempimento di disposizioni delle Autorità pubbliche e degli organismi di vigilanza preposti agli accertamenti. Il Titolare del trattamento e il Responsabile della protezione dei dati personali Titolare del trattamento dei Vostri dati è l’Università Niccolò Cusano – Telematica Roma, con sede in Roma, Via Don Carlo Gnocchi, 3, con Email: privacy@unicusano.it; tramite il https://www.unicusano.it/ è conoscibile l’elenco completo ed aggiornato dei responsabili del trattamento o destinatari. Si informa a tal riguardo che la nostra Università ha provveduto a nominare il proprio Responsabile della protezione dei dati personali (c.d. RPD) l’avvocato Daniela Sasanelli ad ulteriore garanzia dei diritti dell’interessato e come unico punto di contatto con l’Autorità di Controllo, il nostro RPD potrà essere contattato alla seguente email: privacy@unicusano.it Per lo svolgimento di parte delle nostre attività ci rivolgiamo anche a soggetti terzi per l’effettuazione di elaborazioni di dati necessarie per l’esecuzione di particolari compiti e di contratti. I Vostri dati personali potranno, pertanto, essere da noi comunicati a destinatari esterni alla nostra struttura, fermo restando che nessuna diffusione è prevista di tali dati personali a soggetti indeterminati. Tali soggetti verranno nominati responsabile del trattamento. Conferimento dei dati personali e periodo di conservazione degli stessi Il conferimento da parte Vostra dei dati personali, fatta eccezione per quelli previsti da specifiche norme di legge o regolamento, rimane facoltativo. Tuttavia, tali dati personali essendo necessari, oltre che per finalità di legge e/o regolamento, per instaurare il rapporto di iscrizione ai corsi di studio laurea, post laurea e perfezionamento e/o inerente le attività da noi gestite e/o per l’instaurazione del rapporto previdenziale, contrattuale o assicurativo; al fine di dare esecuzione alle relative obbligazioni, il rifiuto di fornirli alla nostra Università potrebbe determinare l’impossibilità di instaurare o dare esecuzione al suddetto rapporto. I vostri dati possono essere conservati oltre il periodo strettamente indispensabile previsto dagli obblighi di legge e comunque al solo fine di fornire ulteriori garanzie a nostri studenti. Diritti dell’interessato, limitazione del trattamento, diritto alla portabilità e diritto di proporre azione innanzi al Garante privacy (c. d reclamo previsto dal regolamento europeo 2016/679/UE) Ai sensi del regolamento europeo sopra citato, Voi avete diritto di essere informati sul nome, la denominazione o la ragione sociale ed il domicilio, la residenza o la sede del titolare e del responsabile del trattamento, e circa le finalità e le modalità dello stesso, nonché di ottenere senza ritardo, a cura del titolare: a) la conferma dell’esistenza o meno di dati personali che Vi riguardano, anche se non ancora registrati, e la comunicazione in forma intelligibile dei medesimi dati e della loro origine, nonché della logica e delle finalità su cui si basa il trattamento: detta richiesta può essere rinnovata, salva l’esigenza per giustificati motivi; b) la cancellazione, la trasformazione in forma anonima o il blocco dei dati eventualmente trattati in violazione di legge, compresi quelli di cui non è necessaria la conservazione in relazione agli scopi per i quali i dati sono stati raccolti o successivamente trattati; c) l’aggiornamento, la rettificazione, ovvero, qualora Vi abbiate interesse, l’integrazione dei dati; d) l’attestazione che le operazioni di cui ai punti b) e c) sono state portate a conoscenza, anche per quanto riguarda il loro contenuto, di coloro ai quali i dati sono stati comunicati o diffusi, eccettuato il caso in cui tale adempimento si riveli impossibile o comporti un impiego di mezzi manifestamente sproporzionato rispetto al diritto tutelato. Oltre ai diritti sopra elencati in qualità di interessati, nei limiti di quanto previsto dal nuovo regolamento europeo, potrete esercitare i diritti di limitazione del trattamento, di opposizione allo stesso ed il diritto alla portabilità esclusivamente per i dati personali da Voi forniti al titolare secondo l’art. 20 del regolamento citato. La informiamo inoltre che il base al Codice della Privacy e al nuovo regolamento europeo potrete proporre azioni a tutela dei Vostri diritti innanzi al Garante per la protezione dei dati personali, c.d. reclamo previsto dal all’art. 77 del predetto regolamento. Si informa infine che nei limiti nei quali sarà ritenuto applicabile al trattamento dei dati che Vi riguardano potrete esercitare un diritto di revoca del consenso al trattamento dei dati comunicando tale revoca al titolare del trattamento.

I dati personali da Lei inseriti saranno comunicati dall'Università ai propri uffici per iniziative formative mediante l'invio di informative promozionali